Miss Italia, storia di un amore finito: addio a Montecatini

Il concorso per le ragazze più belle d’Italia estromesso dal palinsesto Rai e alla ricerca di una nuova location

twitter@g_santaniello

Non sara’ Montecatini Terme, la cittadina in provincia di Pistoia, ad ospitare l’edizione 2013 di Miss Italia. La Miren, la societa’ che organizza il concorso svoltosi nelle sue ultime due edizioni nella cittadina toscana, lo specifica con tanto di nota ufficiale.

miss

Sembra un paradosso. Ma ai tempi della società dell’immagine e del culto della piacevolezza, il concorso di bellezza più popolare e antico (la prima edizione – con questo nome – è del 1946) cade miseramente in disgrazia: su quale sara’ la nuova sede del concorso è ancora mistero fitto.

Questo, dopo che Annamaria Tarantola, la presidente della Rai, ha annunciato già da tempo la sua cancellazione dal palisensto Rai.

A nulla è servito il fatto che il concorso sia entrato di diritto nel costume italiano. Basti pensare che va in onda per la prima volta alla radio nel 1950 e approda in televisione nel 1979, prima su un circuito di emittenti locali e poi dal 1981 sull’allora neonato network nazionale Canale 5. A partire dal 1988, è trasmesso in diretta televisiva su Rai 1. E’ l’evento di apertura della stagione televisiva. Ma oggi, è relegato alla storia.

Tant’è che a due mesi dall’appuntamento con la passerella, per la location, si spiega solo che “sono in corso trattative avanzate con vari regioni e comuni”.

Quanto a Patrizia Mirigliani, patron della manifestazione, ringrazia il sindaco di Montecatini ”per l’ospitalita’ riservata al concorso negli ultimi due anni”, ma, per tutta risposta, deve subire un mezzo colpo basso.

Proprio così. Sentite cosa dice il sindaco di Montecatini per credere: ”Miss Italia ha abbandonato Montecatini per le troppe critiche ricevute in città. Probabilmente, Patrizia Mirigliani si e’ sentita offesa dall’aggressivita’ che alcune persone hanno espresso nei confronti del concorso. In città, sono rimasto solo a difenderla. Mi dispiace che sia andata cosi’…”