Modella seminuda in vetrina. La pubblicità vivente che divide

175

Polemiche a Pisa, la città del ministro Carrozza: “Mi auguro che la mia citta’ sappia offrire un messaggio migliore in futuro”

twitter@g_santaniello

A Pisa pende la torre più famosa al mondo. Ma, per un po’, è stata pendente anche la testa dei passanti che quasi non credevano ai loro occhi vedendo una modella seminuda nella vetrina di un negozio. Roba da far girare la testa. Naturalmente, ai maschi che apprezzavano.

modellaLa ragazza, in una sorta di body painting, ha posato in bella mostra catturando l’attenzione delle persone con pose molto sexy. Una trovata pubblicitaria che, pero’, ha suscitato molte polemiche.

Tant’è che il ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca Maria Chiara Carrozza, che a Pisa e’ nata, ha criticato fortemente l’iniziativa: “Ho letto di una modella seminuda in una vetrina del centro a Pisa – ha scritto il ministro su Twitter – mi auguro che la mia citta’ sappia offrire un messaggio migliore in futuro”.

L’episodio registrato nella città della torre pendente è solo l’ultimo di una lunghissima serie che ha fatto più volte lanciare appelli, a cominciare da quelli della presidente della Camera Laura Boldrini, affinché la donna, nei messaggi pubblicitari, appari sempre in maniera dignitosa.

Anche una vetrina vivente come quella apparsa a Pisa è da inserire nelle cose che non possono farsi in un Paese dove il femminicidio è diventato una emergenza? A questo punto, è ora di passare, in ogni caso, dalle parole ai fatti. Stabilendo regole precise per tutti.