America’s Cup World: TP contesta il bando per la comunicazione

35

Biagio Vanacore
Biagio Vanacore

Si avvicina la prossima America’s Cup World Series 2013, la competizione velistica che si svolgerà dal 16 al 21 aprile nelle acque antistanti la città di Napoli, il Comune di Napoli ha aperto un bando di gara per affidare il servizio di progettazione, organizzazione e realizzazione degli eventi che comporranno il palinsesto della manifestazione, a corollario delle regate.

Il bando per una base d’asta di 976.425 euro è alquanto bizzarro e non poteva passare inosservato all’attenta lettura del Presidente di TP Biagio Vanacore, che tra le altre cose ha la sede della propria Agenzia proprio in Campania: “Leggendo tra le righe di questo “ricco” bando, viene da chiedersi come in 15 giorni una struttura possa realizzare un’articolata proposta di eventi, che tra l’altro inizierebbero un mese dopo: solo il Buon Dio potrebbe illuminarci sull’operatività della cosa”.

Netta e forte la presa di posizione da parte di Biagio Vanacore Presidente dell’Associazione TP, che a difesa della professionalità del comparto che rappresenta, evidenzia come sia difficile dal punto di vista operativo attuare un progetto articolato per una manifestazione di così grande rilevanza a livello internazionale: “In una fase economica cosi delicata – dichiara Vanacore – non si può indire una gara il cui esito si avrà il 20 di marzo, con la partenza degli eventi fissata per il 13 aprile. Mi rivolgo alle istituzioni, vogliamo ancora una volta dare l’immagine di buttare i soldi dalla finestra? Viene – continua Vanacore – lesa e discriminata l’attività professionale del comunicatore. A nome dei professionisti del mondo della comunicazione che rappresento, contesto fermamente questo bando e la sua possibile applicazione”.