“Merce di Scambio”, il primo podcast indipendente realizzato da Podstar con il supporto di brand e community

Secondo un recente report OBE e BVA Doxa la percentuale di italiani che ascolta branded podcast continua a rimanere positiva (61%) anche se leggermente in calo rispetto al 2022, dove si superava il 74%. 

Ma l’aspetto più rilevante che emerge dal rapporto è che ciò che spinge gli ascoltatori all’ascolto è in assoluto il tema e l’argomento (fondamentale per il 62% degli utenti) mentre la popolarità dello speaker interessa solo a pochi (l’8% è attirato dal fatto che lo speaker sia un personaggio famoso, il 6% se è un influencer). 

Un trend che racconta quanto l’audience sia sempre più esigente e quanto sia importante per i produttori di podcast porre un’attenzione maggiore alla qualità dei contenuti e alle strategie di distribuzione e amplificazione adottate. 

Qualità e attenzione che sono linfa vitale per Podstar la podcast factory indipendente che produce e promuove podcast ad alto impatto sociale e culturale e che nasce per proporre un’alternativa al “classico” branded podcast: podcast indipendenti supportati dagli ascoltatori e brand.

Durante La Settimana del Podcast, evento che si terrà a Roma dal 15 al 20 aprile 2024, Podstar presenterà ufficialmente Merce di Scambio, il primo podcast realizzato interamente grazie al supporto di brand e ascoltatori. 

Ideato, scritto e narrato dalla giornalista Teresa Potenza Merce di Scambio è un’indagine giornalistica sul mondo sommerso della compravendita di organi e che si fa portavoce di un modo diverso di fare giornalismo, che porta alla luce fatti, notizie, approfondimenti su temi rilevanti ma sottovalutati dall’informazione mainstream, temi che meritano qualcosa di più di una “notizia cotta e mangiata”.

Per produrre un branded podcast al giorno d’oggi sono richieste risorse (sia tecnologiche che finanziarie) molto elevate e ciò rischia di “tagliare fuori” aziende, imprenditori, professionisti o anche giornalisti che hanno proposte di contenuto molto interessanti ma che non potranno mai emergere a causa di un budget non sufficiente. La missione di Podstar è quella di democratizzare questa opportunità e offrire da un lato un supporto professionale a chi vuole realizzare podcast che abbiano un impatto sociale e culturale dall’altro dare ai brand la possibilità di “sposare” tematiche di questo tipo” spiega Ester Memeo, fondatrice di Podstar.

Merce di Scambio è una produzione totalmente indipendente ed è il primo progetto podcast

che sarà realizzato in modo professionale grazie alla piattaforma Podstar con i

finanziamenti degli ascoltatori. Il primo brand sponsor ad aver creduto nel progetto è Licensync, che ha deciso non solo di supportare questo progetto ma altri podcast indipendenti che usciranno nei prossimi mesi. 

Credo che il podcast sia un potente strumento di crescita culturale e sociale e che sia, ad oggi, l’unico media digitale libero e indipendente che permette di dare voce alle idee in modo democratico. Podstar si focalizza sul dare un nuovo valore al podcasting indipendente ad alto impatto sociale affinché possa essere una risorsa di valore per autori e brand” spiega Memeo.