Sorgenia usa l’ironia per mettere in guardia dalle telefonate ingannevoli

Capita sempre più spesso di ricevere telefonate non richieste che hanno lo scopo di carpire i dati della fornitura di energia per far sottoscrivere all’ignaro consumatore un nuovo contratto di luce e gas. Una pratica diffusa, quasi sempre illecita, sicuramente fastidiosa. Per sensibilizzare tutti sul problema, Sorgenia ha realizzato un nuovo progetto di content video.

Una serie di quattro pillole video dal tono divertente della durata di circa 40 secondi ciascuna, disponibili sul sito e sui canali social dell’azienda, per mettere in guardia i clienti dalle chiamate ingannevoli. I brevi filmati contrappongono falsi operatori dal tono incalzante e ossequioso a clienti sorridenti, sereni e consapevoli del modo trasparente con cui Sorgenia opera sul mercato. Il contrasto è sottolineato da accorgimenti grafici ed effetti sonori di sottofondo, uniti a frequenti richiami all’app MySorgenia, che consente di fare verifiche puntuali in qualunque momento.

Sorgenia non chiede mai i dati al telefono perché li riceve direttamente alla sottoscrizione del contratto, gestendo ogni comunicazione o richiesta attraverso la sua piattaforma e i canali dedicati. Allo stesso modo in cui, da anni, ha abbandonato il teleselling sulla clientela residenziale.

Con l’obiettivo di contribuire a richiamare l’attenzione sul fenomeno, da inizio anno l’azienda ha messo a disposizione anche un form da compilare per facilitare la segnalazione delle telefonate sospette a Sorgenia e all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. Uno strumento utile per combattere, insieme ai consumatori, un fenomeno che sta diventando sempre più aggressivo, soprattutto se si pensa che in 8 mesi l’azienda ha gestito oltre 1.000 segnalazioni.

Il progetto di content video è firmato dall’agenzia Studio Riprese Firenze.