Gli azzurri scendono in campo per una partita diversa dalle altre

367

La Federazione Italiana Gioco Calcio ha lanciato la nuova campagna #leregoledelgioco per sensibilizzare i cittadini sui corretti comportamenti da seguire per contenere la diffusione del coronavirus.

La campagna è partita dalle principali testate sportive e si svilupperà sui canali ufficiali della FIGC, dove saranno pubblicate #LEREGOLEDELGIOCO uno schema di comportamenti virtuosi per una social activation di alto valore. I nostri protagonisti scenderanno, infatti, in campo per affrontare una partita diversa dalle altre. Ciascun testimonial coinvolto realizzerà una stories e un breve video in cui racconterà la propria regola e inviterà il pubblico a condividere il messaggio e ad interagire con l’hashtag ufficiale della campagna: #leregoledelgioco. 

Ad aderire alla campagna sono stati i Commissari Tecnici Milena Bertolini e Roberto Mancini e i giocatori: Ciro Immobile, Gianluigi Donnarumma, Jorginho, Alia Guagni, Manuela Giugliano, Cristiana Girelli, Federico Chiesa, Nicolò Zaniolo e Leonardo Bonucci.  Testimonial d’eccezione che hanno deciso di dare il loro volto e il loro account Instagram a favore dell’iniziativa.

Stefano Solarino ideatore della campagna e la direzione creativa curata da Marco Diotallevi e Lorenzo Terragna commentano la campagna di responsabilità sociale: “è un momento particolarmente difficile per il nostro Paese, ognuno è chiamato a fare la propria parte. Ecco perché abbiamo colto con entusiasmo l’invito della Federazione Italiana Giuoco Calcio. Abbiamo ingaggiato gli Azzurri sfruttandone l’enorme mediaticità, invitandoli a passarsi la palla su Instagram per promuovere un comportamento responsabile”.

La campagna ha infine l’obiettivo, non meno importante, di invitare gli italiani a sostenere le raccolte fondi per gli ospedali in prima linea.

Alla campagna hanno lavorato: Stefano Solarino, Lorenzo Terragna, Marco Diotallevi, il team Plural composto da Silvia Tassone e Giulia Appolloni (pluralagency.com) e l’art director Francesco Di Modugno.