Lo ‘sbirro’ Brugnano si schiera con Klaus Davi a San Luca

37

E i networks esteri già prenotano ‘spazi’ per le troupes in Comune

 di Mario Modica

Si chiama Giuseppe Brugnano, ha lavorato per anni con successo nei reparti della Digos,  ora  leader sindacale nazionale,  giudicato un ottimo investigatore e uno sbirro inflessibile, catanzarese doc, e ora ‘scende in campo’ con Klaus Davi.

Sarà lui l’uomo forte della lista del massmediologo e titolare della prestigiosa agenzia di comunicazione di impresa con sedi a Milano e Roma, che si appresta a lanciare una rischiosa ‘Opa’  democratica nientemeno che su San Luca il paese di Corrado Alvaro ma anche delle faide con decine di morti. Il borgo sito nel  bellissimo Aspromonte calabrese, in cui risiedono i pesi massimi del narcotraffico mondiale.

Ma Davi procede imperturbabile per la sua strada , per nulla preoccupato della sfida che sta lanciando alle ‘Ndrine. Da sei anni in quel paese  non si vota, perchè dopo lo scioglimento ad opera del non rimpianto da nessuno ex ministro Alfano (ora banchiere d’affari) architettato a 5 giorni dal voto, nessun partito osa presentare candidati. Neppure gli alfieri del Pd sempre pronti a giudicare tutto e tutti, ci provano .

E questo la dice lunga…… Ma oltre a Brugnano, Davi potrebbe sfoderare un secondo asso . Un peso massimo dell’anti-mafia che ha detto no a tutti i partiti. . E già per il 26 maggio a San Luca  si sono accreditate le troupe di RTL Deutschland, di France 1, e due tv australiane. Un borgo di 3000 abitanti, per anni  snobbato dai giornali italiani radical chic e dai partiti, che si appresta a diventare piattaforma internazionale del cambiamento. Auguri !