Per i Magistrati  Klaus Davi rischia la vita, ma la Rai lo scarica 

192
Klaus Davi
Klaus Davi

In queste ore uno dei più autorevoli magistrati italiani ha fatto una lunga dichiarazione alle agenzie di stampa sull’impegno giornalistico di Klaus Davi in Calabria. Federico Cafiero de Raho , capo della Procura di Reggio Calabria, e ora in corsa per quella di Napoli. Il magistrato anti mafia  ha detto senza mezzi termini  : “lo Stato deve tutelare Klaus Davi perché il suo giornalismo diretto contro i clan della ‘Ndrangheta lo mette a serio rischi per cui riteniamo che gli vada rinnovata la tutela nei suoi spostamenti in Calabria  e vada protetto.”

Per tutta risposta la Rai chiude la trasmissione Arena di Massimo Giletti   con cui Davi collaborava da 10 anni e gli impedisce di fare i servizi per la brava  Eleonora Daniele che lo aveva fortemente voluto nella sua squadra mandando avanti un ‘capetto’ del servizio pubblico – non si sa se ispirato dal direttore di rete Andrea Fabiano –  che ha sollevato questioni burocratiche, come è agli atti, nero su bianco.

C’è solo da augurarsi che a Davi non capiti nulla nelle sue  prossime spedizioni nelle terre dei clan. Poiché – dovesse succedere  qualcosa – sarà chiaro a tutti quanta ipocrisia, ambiguità e falsità si annida nell’agire dei partiti e in particolare quello di governo. Che a parole straparlano di antimafia, ma poi danno un calcio nel sedere a chi si impegna per lo Stato senza infingimenti… Auguri,  Klaus…guardati anche dalla mafia della politica.