Sondaggio: Trump presidente del Consiglio? Piace a un italiano su due

Tanto criticato in campagna elettorale, ma ora il neo eletto presidente degli Stati Uniti Donald Trump sembra conquistare il popolo italiano. Almeno è quanto emerge da una ricerca promossa da  Spot and Web su 1.000 cittadini dai 18 ai 60 anni in collaborazione con l’agenzia di comunicazione Klaus Davi and company, realizzato in occasione della pubblicazione della biografia “Hillary – Vita e potere in una dynasty americana” di Gennaro Sangiuliano  edito da Mondadori .

gennaro-sangiuliano-festival-dei-giornalisti-del-mediterraneo-otranto-2016-2
Gennaro Sangiuliano

Un besteller  che spiega con dovizia di particolari i meandri e i retroscena della politica Usa con preziosi rimandi su quella italiana.

Donald Trump presidente del Consiglio italiano è una suggestione che conquista il 22% degli intervistati. Trump piace per la sua determinazione sul tema immigrati e per il drastico abbattimento delle tasse indicato nel programma elettorale. Poco dopo si piazza la “sconfitta” Hillary Clinton con il 20% (specie tra le donne) che, nonostante tutto, continua ad essere apprezzata per la sua competenza e per la sua autorevolezza internazionale.  Terzo arriva a sorpresa Vladimir Putin (secondo il 18% dei pareri), che conquista consensi per il pugno di ferro e l’algido distacco siberiano. Quarto troviamo il premier spagnolo Mariano Rajoy (15% degli intervistati), motivato dall’aver rimesso in sesto l’economia iberica. Solo quinto l’uscente Barak Obama con il 14%, che ha perso smalto nonostante la simpatia innata che ha dimostrato per l’Italia.

Un incredibile sesto  posto viene conquistato dal leader  populista ungherese Viktor Orbàn (13%), apprezzato per il decisionismo dimostrato nei confronti della UE. Mentre al settimo posto troviamo addirittura la premier del Regno Unito Theresa May (con l’11% delle preferenze), alla quale viene riconosciuto un “sano fanatismo” per il lavoro ed una profonda preparazione.

Solo ottava la cancelliera tedesca Angela Merkel con l’8% delle preferenze, che gli intervistati stimano per l’inscalfibile longevità politica. Penultimo il Presidente della Repubblica Francese François Hollande con appena il 5%, che sconta la sua uscita dalla corsa per la rielezione all’Eliseo. Chiudono la top ten a pari merito col 3% gli “ex” Nicolas Sarkozy e David Cameron, ormai spariti dai radar, ai quali il campione rinfaccia le recenti scottanti sconfitte politiche.