ACI lancia la nuova campagna Corporate

73

La campagna advertising di ACI parte il 15 novembre sui principali media nazionali e locali anticipata da  una serie di grandi affissioni nei centri di Roma e Milano

acidigitale1ACI lancia una nuova campagna di comunicazione per dare risalto alle numerose attività a servizio della mobilità. Il meccanismo del “Flash Mob” è l’idea creativa scelta per comunicare agli italiani mission e valori dell’Automobile Club d’Italia. Fare muovere l’Italia in modo sicuro ed efficiente è ciò che si propone il Club in cui si riconoscono da 111 anni gli automobilisti italiani. La campagna durerà fino al 21 dicembre attraverso giornali, web, radio, tv e cartellonistica stradale.

Il progetto è curato dall’agenzia White Red and Green, mentre Casiraghi e Greco è il centro media. Il play off della campagna è: “Uniti dalla passione, per far muovere l’Italia”. “Passione è la parola chiave che più di ogni altra ci rappresenta- ha dichiarato il Presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani. Ci ha guidati in questi 111 anni di storia e ci guida ancora oggi. E’ lei, infatti, la parola chiave della nostra presenza nel settore della mobilità e, per questo, anche la parola chiave di questa campagna corporate. Una campagna che vuole sottolineare come la mission di ACI sia coniugare tradizione e innovazione, per costruire sui grandi valori di ieri i grandi valori di domani.

Passione per ACI significa mobilità più sicura, pulita, economica, intelligente e semplice, ma anche affascinante ed entusiasmante come le corse, per restituire all’auto la forza di quel sogno che l’ha resa la grande protagonista della nostra storia”. Per Ludovico Fois, Consigliere per le Relazioni Esterne e Istituzionali ACI: “ACI ha scelto di iniziare a raccontare meglio agli italiani e lo fa partendo da quei valori e da quello spirito di servizio che da oltre 111 anni ne rappresentano la vera linfa vitale.

Ma anche con una specifica attenzione a descrivere meglio le proprie aree di competenza non sempre ben focalizzate all’esterno. Questa campagna pone in risalto gli obiettivi di ACI dei prossimi anni, concentrati a dare un contributo allo sviluppo dell’Italia. Vuole anche rappresentare il cambio di passo del lavoro di ACI, che con le sue competenze e capacità uniche intende rivestire un ruolo centrale sul grande tema della mobilità italiana”.