Pratelli d’Italia: imitazioni e personaggi del nostro Paese

147

Servizio di Giacomo Aricò

Da Celentano a Lippi, da Carlo Conti a Fabio Capello, passando per Christian De Sica e Claudio Ranieri, per Ibrahimovic, per Feltri, De Laurentiis, Luca Laurenti, Bondi, Prodi, Berlusconi, Ancelotti, Sallusti, Tremonti, Salvo Sottile, Galeazzi, e l’elenco potrebbe continuare ancora: David Pratelli è l’imitatore d’Italia.
Tutto cominciò quando una decina d’anni fa (nel 2002) vinse il titolo di “miglior imitatore italiano” nel programma della Rai “Sì sì, è proprio lui!” condotto da Luisa Corna. Personaggi imitati alla perfezione e arricchiti dalla sua innata e divertente simpatia. Al centro dei suoi sketch c’è spesso il calcio, tanto che per diverse stagioni l’abbiamo visto protagonista su Mediaset con “Guida al Campionato” dove ha lanciato l’imitazione di Marcello Lippi.
David ha l’imitazione nel sangue, fin da ragazzino nella sua Pontedera, si diverte a fare il verso ai compagni e ad emulare Adriano Celentano.
Dopo l’esperienza a “Guida” torna alla Rai con Simona Ventura a “Quelli che il calcio” dove i suoi personaggi ‘giocano in casa’ creando momenti esilaranti attraverso i collegamenti con lo studio centrale. Riuscitissima la sua ultima imitazione dell’ex allenatore della Juve, Luigi Delneri. David, che è un super tifoso bianconero, ha seguito e studiato Delneri in ogni intervista per tentare di imitarlo, puntando molto sul fatto che quando parla “non si capisce nulla di quello che dice”.
Tra i suoi prossimi personaggi ci sarà, sempre per restare nel mondo del calcio, anche Tom Di Benedetto, il neo Presidente della Roma. Ci sarà da ridere.
Mille volti e mille voci con una sola costante, quella di dire ancora “sì sì è proprio lui!”.

Ascolta l’intervista a David Pratelli