Qui Lombardia, guerra al gioco d’azzardo: al via il concorso per il logo dei locali Slot Free

L’assessore regionale Viviana Beccalossi all’indomani del suicidio del 18enne ischitano per aver perso tutto in una puntata: “Combattiamo la ludopatia coinvolgendo i ragazzi delle scuole”

twitter@g_santaniello

”Un contributo forte e concreto per fronteggiare la piaga della ludopatia e il dilagare di slot machine puo’ arrivare dalle scuole. E’ per questo che a settembre lanceremo un concorso di idee riservato a tutte le classi delle medie inferiori della Lombardia, chiedendo agli studenti di realizzare il logo regionale ‘slot free’ per i locali virtuosi che rinunceranno a utilizzare macchinette destinate al gioco”. Lo afferma Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio e all’Urbanistica e team leader del gruppo di lavoro sulle ludopatie voluto dal presidente Roberto Maroni, prendendo spunto dai dati forniti dall’istituto di Fisiologia Clinica del Cnr sul gioco d’azzardo minorile.

macchinetta”I numeri – continua l’assessore Beccalossi – sono impressionanti: secondo lo studio, il 45,3% degli studenti delle scuole superiori in Italia ha puntato almeno una volta somme in denaro e il 20% afferma di giocare con frequenza”.

Regione Lombardia ha presentato ieri, a pochi giorni dal suicidio del 18enne di Ischia che aveva perso tutto al gioco, un progetto di legge che prevede, tra l’altro, l’adozione della distanza minima di 500 metri delle sale giochi da scuole e altri luoghi sensibili. I locali ‘virtuosi’ che bandiranno il gioco d’azzardo potranno inoltre esporre l’apposito marchio regionale ‘slot free’.