‘Una notte per Caruso’ su Rai Uno senza artisti partenopei. A Napoli è rivolta

Lo showman Gianni Simioli e il partito dei Verdi: “E’ un affronto al grande tenore dedicargli una seratina commerciale e senza anima solo per spendere soldi”

twitter@SpotandWeb

Questa sera, si rinnoverà l’ormai tradizionale appuntamento estivo di Rai1 realizzato a Marina Grande di Sorrento ‘Una notte per Caruso’.

carusoIl Comune di Sorrento ha in parte finanziato l’evento che vedrà esibirsi star nazionali come Fiorella Mannoia, Simone Cristicchi, Amanda Lear, Manuela Villa, Memo Remigi ed Enzo Iacchetti.

Ma a Napoli e dintorni, non mancano le polemiche verso Viale Mazzini: “Peccato che nel cast – denunciano Gianni Simioli della Radiazza ed il responsabile regionale dei Verdi, Francesco Borrelli che, a loro dire, hanno raccolto le proteste di tanti cittadini indignati – non figuri neanche un artista campano o napoletano”.

“E’ incredibile poi che gli organizzatori e lo stesso comune di Sorrento non abbiano pensato che un omaggio allo storico tenore avrebbe necessitato di ben altri ospiti. E poi che c’entrano tutti questi artisti pop e commerciali con la storia di Caruso? Negli anni passati almeno qualche artista napoletano di livello come Massimo Ranieri era stato invitato”.

“E’ veramente triste ridurre la storia e la cultura della canzone napoletana ad uno spettacolino di musica da festival estivo che non ha nulla a che vedere con la nostra tradizione canora e musicale”.

“A nostro avviso – conclusono Simioli e Borrelli – più che un omaggio, quello di questa sera è un affronto al grande tenore Caruso realizzato probabilmente solo per spendere un poco di soldi”.