Italiani, popolo di viaggiatori

131

Per sondare la disponibilità degli italiani a muoversi sul territorio e per lanciare la nuova funzionalità dell’espansione geografica, il sito di annunci gratuiti Bakeca.it ha condotto nel mese di giugno un sondaggio su base nazionale via email e tramite la propria fan page di Facebook.
Dalle 6000 risposte ottenute emerge il quadro di un italiano piuttosto dinamico, soprattutto se si tratta di cogliere al volo un buon lavoro oppure di concludere un affare.

Disposti a trasferirsi per lavoro ma anche a viaggiare come “pendolari”
Alla proposta di trasferirsi per motivi di lavoro, la propensione alla mobilità dichiarata nel sondaggio è notevole, probabilmente accentuata dalla recente crisi economica. Ben il 70% degli interpellati da Bakeca.it sarebbe disposto al trasferimento in un’altra città: il 61,7% accetterebbe un lavoro anche oltre 500 km dalla propria città di origine, mentre il 24,3% si dichiara disponibile a trasferirsi sino a 100 /200 km di distanza.
I partecipanti al sondaggio di Bakeca.it sono anche disposti in alternativa a viaggiare giornalmente per recarsi al lavoro, senza trasferire la propria residenza: a livello nazionale il 22,3 % accetterebbe di farlo soltanto su percorsi brevi, che non superino i 10 km, mentre un altro 53,5% è disposto a percorsi leggermente più lunghi, fino a 30-50 km, e il 24,3% si dichiara addirittura disponibile a effettuare percorsi più impegnativi, fino a 70 km e oltre.

In viaggio alla ricerca di un affare
Quando la finalità è quella di valutare le varie offerte per l’acquisto di un’auto, la grande maggioranza degli interpellati – oltre il 67%, – è disposta a spostarsi sino a 50-100 km dalla propria residenza e un ulteriore 15,6 % fino a 200 km, pur di ottenere un prezzo ritenuto conveniente.
Risulta dal sondaggio inoltre che è la convenienza il criterio guida per la ricerca di un’auto usata: il primo parametro considerato è infatti il prezzo, seguito dal chilometraggio e dal tipo di alimentazione.
Alessandro Rivetti, amministratore delegato di Bakeca.it, commenta così i risultati del sondaggio: “Tra i clienti ‘professionali’ del sito Bakeca.it, e cioè le agenzie immobiliari, le concessionarie auto e le aziende che cercano collaboratori, questi risultati hanno suscitato grande interesse, confermandoci che la scelta di allargare il raggio di azione delle ricerche su base geografica porterà sicuri vantaggi sia ai nostri utenti privati sia ai nostri clienti professionali.”

Cerco vicino, ma se non trovo mi sposto finché trovo
La nuova strategia studiata da Bakeca.it per andare incontro alle esigenze di ricerca degli utenti, particolarmente sentita nelle categorie Offerte di lavoro e Motori, è così sintetizzata dall’ad Alessandro Rivetti: Bakeca.it, specializzata nel fare incontrare domanda e offerta su una base strettamente locale, su modello del sito statunitense craiglist.org, ha deciso di sfruttare la propria forza su base territoriale, permettendo agli utenti di allargare progressivamente le ricerche dalla zona di residenza ad aree sempre più vaste. Se quindi non si trova l’auto desiderata o il lavoro dei propri sogni vicino a casa, si può automaticamente allargare l’ambito della ricerca alle città vicine, alle regioni limitrofe o progressivamente al territorio nazionale, fino a quando si raggiunge lo scopo desiderato.
Il campione del sondaggio di Bakeca.it, per un totale di 6000 persone, è composto per il 58% da uomini e per il 42% da donne, prevalentemente di età compresa tra i 26 e i 55 anni e residenti nelle maggiori regioni (Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Liguria, Veneto, Toscana, Lazio, Puglia e Campania), anche se sono ben rappresentate tutte le regioni italiane.