Tiger Woods torna a ruggire: è di nuovo lui lo sportivo più pagato al mondo. Grazie alla pubblicità

La classifica di Forbes: il golfista porta a casa 78.1 milioni di dollari, 65 dei quali dovuti alla sua immagine commerciale. I giorni della lite con la moglie e del ritiro del 2009 sono un brutto ricordo

twitter@g_santaniello

Tiger Woods e’ lo sportivo piu’ ricco del pianeta. Secondo la tradizionale classifica stilata da Forbes, l’ex numero 1 del golf si e’ ripreso il primato che gli avevano strappato i pugili Floyd Mayweather e Manny Pacquiao, precipitati entrambi al 14esimo posto. Lo statunitense porta a casa 78.1 milioni di dollari (59.5 milioni di euro), 65 (49.5) dei quali per la pubblicita’.

tiger bnL’incidente automobilistico in seguito al quale rimase ferito il 27 novembre 2009 sembra, quindi, davvero solo un brutto ricordo. I giorni dei sospetti su una furibonda lite tra Woods e la moglie che sarebbe stata all’origine di quell’incidente si fanno sempre più lontani.

Certo, fu uno scandalo in seguito al quale Tiger perse molti suoi sponsor, fino a portarlo, il 12 dicembre 2009, ad annunciare il ritiro a tempo indeterminato dalle competizioni.

Ma quel ritiro si è interrotto il 9 aprile 2010. E Tiger ha ritrovato già i colpi migliori, dentro e fuori dal green.

Ora, è tornato ad essere lo sortivo più pagato precedendo sul podio mondiale il tennista Roger Federer (54.4 milioni di euro) e il fuoriclasse dei Los Angeles Lakers (Nba), Kobe Bryant (47.1).

Eldrick Tont  Woods, il golfista che mira a tornare presto il numero uno al mondo, è nato 37 anni fa a Cypress, negli Stati Uniti. Soprannominato “Tiger” dal padre, iniziò a giocare a golf quasi ancora prima di camminare e ben presto venne ritenuto una sorta di prodigio.

Aveva vent’anni quando la Nike se ne innamorò, puntando ad occhi chiusi (e a tasche aperte) su di lui per una cifra complessiva lorda di oltre 150 milioni di dollari. Dieci anni più tardi, nel 2006, il nuovo contratto del marchio di abbigliamento con i baffi previde un compenso superiore ai 25 milioni di dollari l’anno, incluse le royalty.

Ma Woods non ha mai smesso di ruggire. Oltre alla Nike, nel corso della sua carriera, si è legato anche alla PepsiCo, ad esempio, per pubblicizzare la Gatorade: altro contratto da nababbo, con 100 milioni di dollari, il compenso più alto mai corrisposto a un atleta per pubblicizzare delle bibite.

Già per due volte, nel 2007 e nel 2012, rispettivamente con 122 e 59,4 milioni di dollari, è stato lo sportivo più ricco della Terra. Un record che gli deriva, tra l’altro, dall’aver fatto la pubblicità di una serie di videogiochi del marchio Tiger Woods PGA Tour, una serie di grande successo che vedeva lui stesso come personaggio.

Come dire: l’ultima classifica stilata da Forbes non fa altro che confermare un numero uno assoluto.