LE PR, MERCATO SANO?

Di Federico Unnia
Secondo Assorel torna a crescere il mercato delle relazioni pubbliche, sospinto da Digital PR e Social Media
Con i primi timidi, e drogato dall’export, segnali di ripresa economica si rimette in moto il mondo delle Pr. E’ quanto sostiene Assorel nella sua indagine annuale sul settore elaborata grazie al contributo delle società associate.L’incremento, spalmato in modo omogeneo tre le diverse aree di intervento e i settori merceologici, beneficia del positivo andamento del segmento delle Digital PR e dei Social Media che si posizionano come giro d’affari ormai a ridosso degli Eventi. Strumento necessario, spesso rincorso più per moda che per effettivo beneficio ed efficacia. Dopo un 2009 di stagnazione, che seguiva a sette anni di costante incremento, secondo l’indagine Assorel nel 2010 le rp hanno ripreso a crescere con tasso del +4%, dato ancora più significativo se confrontato con quelli di altre attività, anche industriali – come l’editoria – del comparto della Comunicazione che la scorsa stagione avevano segnato decrementi a pesanti nell’ordine del 15/20% e più.
Non si è trattato quindi di un assestamento rispetto all’anno passato ma, con un solo anno di pausa, di una continuità di sviluppo che arriva dall’inizio del nuovo millennio e vede, rispetto all’anno 2000, un mercato praticamente raddoppiato in termini di giro d’affari. Molta cautela, naturalmente visti i chiari di luna, è stata espressa sulle previsioni per il 2011. Per l’85% delle imprese il 2011 sarà un anno di stabilità o ad incremento contenuto con una percentuale comunque non superiore a quella registrata nel 2010. L’analisi conferma la tendenza internazionale elaborata nell’ICCO World Report a fine maggio che anticipava un “Ritorno alla crescita” per le RP a livello globale.
Da sottolineare infine come secondo Assorel allo sviluppo delle Digital PR e Social Media, oggi al quinto posto tra le Aree professionali più praticate, si contrappone una contrazione del segmento più tradizionale, rappresentato dalle attività di Media Relations. Perdurano le difficoltà della Comunicazione Finanziaria/Investor Relations mentre restano disattese le aspettative di crescita strutturale della Comunicazione Sociale, Interna e Ambientale.