Il visual di SignDesign unisce l’Italia

226

Promosso dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale, è stato inaugurato ieri, 17 marzo, dopo un ampio intervento di
recupero e valorizzazione, il complesso monumentale di Porta San Pancrazio, che ospita il Museo della Repubblica
Romana e della Memoria Garibaldina.
A firmare l’intero sistema visivo coordinato del Museo è SignDesign, creatività per la comunicazione, che conferma così la sua vocazione progettuale versatile e la capacità di affrontare un incarico complesso, che ha richiesto un linguaggio innovativo per un contesto di contenuti e spazi di carattere storico-culturale.
Il risultato è un sistema di soluzioni grafiche in grado di accompagnare – in una modalità contemporanea e di immediata lettura – il percorso espositivo, che si snoda lungo i quattro piani dell’edificio, raccontando ambiente per ambiente le vicende storiche della Repubblica Romana e della tradizione garibaldina.
In ogni sala frames informativi tracciano i contorni dettagliati delle storie e dei documenti esposti. Mappe che visualizzano i luoghi significativi e le fasi cronologiche fondamentali degli avvenimenti, scelte grafiche in cui le parole e i principi della Costituzione della Repubblica Romana sono rappresentate fino a dare vita ad una texture che riproduce l’Italia in una significativa configurazione ad angolo. La memoria dei Mille patrioti, che presero parte a quella importante stagione storica, è presente e viva sul volume di vetro che racchiude l’ascensore, con i loro
nomi rappresentati in vetrofania. Sulla panoramica terrazza la riproduzione dello skyline di Roma visto dalla stessa area del Gianicolo, com’era al tempo e com’è oggi, è il modo migliore per capire come fosse la città 150 anni fa e come si sia trasformata.
“Per SignDesign l’esperienza ha significato la capacità di adattare la creatività a messaggi storici con l’attualità dei nuovi sistemi rappresentativi – afferma Stefano Gangli, direttore creativo dell’agenzia – un visual design che è l’espressione di una preparazione grafica e comunicativa che oltrepassa il solo obiettivo dell’estetica. Funzione anche nella comunicazione prima di tutto, e ben fatta.”
Ogni componente è stata studiata per rispondere all’obiettivo di offrire la nuova visione interattiva dei moderni musei e una fruizione multimediale degli spazi, al fine di esaltarne gli scopi didattici, in perfetta linea con il progetto di allestimento del Museo, curato dallo studio Next Urban Solution.