Vietnam, vietate le notizie su Facebook e Twitter

L’ulteriore stretta alla libertà di stampa e pensiero del Governo

twitter@SpotandWeb

Da ieri, postare articoli su Facebook o rilanciare notizie su Twitter e’ illegale in Vietnam. Lo stabilisce una controversa legge sull’attivita’ online appena entrata in vigore: secondo molti critici, restringera’ ulteriormente la liberta’ di espressione e di stampa in un Paese che l’organizzazione ‘Reporter senza frontiere’ colloca già al 172esimo posto su 179 di questa classifica.

vitnam

Il ‘decreto 72′, annunciato in luglio, stabilisce che i social network possano essere utilizzati solo per “fornire e scambiare informazioni personali”.

Tra le attivita’ illegali figurano il “ridicolizzare usanze e tradizioni nazionali”, le “pratiche di superstizione”, nonche’ qualsiasi materiale che “danneggi la sicurezza nazionale” e “contrasti il governo”. Le pene per chi violi tali disposizioni non sono ancora state annunciate.

La nuova legge e’ stata criticata dalle organizzazioni per i diritti umani, cosi’ come dagli Stati Uniti. Il governo di Hanoi si e’ difeso sostenendo che le nuove misure aiuteranno a combattere il plagio online.

Secondo il viceministro delle Comunicazioni, Le Nam Thang, il ‘decreto 72′ aiutera’ gli utenti a “trovare informazioni corrette su Internet”.

Ma negli ultimi anni, decine di attivisti democratici – molti dei quali autori di blog politici – sono stati incarcerati nel Paese, nell’ambito di un giro di vite contro il dissenso online. Secondo Rsf, al momento sono 35 le persone detenute per tali reati, il che rende il Vietnam “la seconda prigione piu’ grande per blogger e cyber-dissidenti, dopo la Cina”.

Nel Paese, siti come Facebook e quello della Bbc sono irraggiungibili con una connessione ordinaria.