Toscani a Gay.tv: la campagna Benetton presuntuosa e senza creatività

La campagna UnHate di Benetton è tremenda, la sua creatività è provinciale”, così Oliviero Toscani  in partenza per il Sud America per una campagna per le Nazioni Unite, critica la campagna Benetton in un’ intervista a Gay.tv (www.gay.tv) on line da domani in forma integrale “Io non c’entro nulla con questa campagna nuova […] Non si tratta di un’idea nuova, non c’è un’idea di creatività. C’è differenza tra un’idea e un lavoro per vendere maglioncini. E’ un po’ quello che succede con i giovani: fanno quello che è già stato fatto. Vanno in internet e copiano.[…] Penso sia, anzi, una campagna controproducente, presuntuosa. Il figlio di Luciano non ha certo la creatività del padre”. Sulla scelta di usare il bacio gay come un’alternativa all’odio “Beh anche i gay sono molto violenti. Parlarne così, diventa razzista. UnHate è pseudoantirazzista. Dicendo ho tanti amici negri, ad esempio, faccio già distinzione tra gli amici. Non esistono diritti gay, la razza umana è uguale in tutto il mondo”.