Spotify lancia la nuova campagna B2B Spreadbeats

Dopo il trionfo ai Cannes Lions con A Song for Every CMO e la pubblicazione del podcast Perfect Pitch, Spotify presenta Spotify Spreadbeats, la nuova campagna B2B dedicata ai professionisti del marketing, alle agenzie e ai decision maker dei brand. 

Unico nel suo genere, Spreadbeats è il primo video musicale realizzato e distribuito interamente attraverso un foglio di calcolo, solitamente utilizzato per i media plan. Con questo progetto, Spotify infonde la propria forza creativa alle sue proposte media, rendendole vivaci e vibranti come il brand e la piattaforma stessi, mantenendo allo stesso tempo Spotify Advertising al centro dell’attenzione.

Accompagnato da una colonna sonora da sogno prodotta dal DJ John Summit, Spreadbeats guida gli ascoltatori in un “viaggio” all’interno di una singola cella in un foglio di calcolo, in cui questa (la E7 per la precisione), si trasforma in un personaggio 3D – una metafora delle diverse modalità creative con cui i brand possono raggiungere il pubblico di Spotify, attraverso formati audio e video.

Il media plan è il motore silenzioso del nostro settore e non è necessariamente il primo strumento a cui si pensa per raccontare una storia in modo creativo” ha spiegato Alberto Mazzieri, Head of Sales Southern Europe di Spotify. “Con Spreadbeats utilizziamo gli strumenti analitici del nostro mestiere per offrire un’esperienza memorabile. In questo modo, speriamo di ispirare i brand e le agenzie partner a guardare con occhi diversi un media plan di Spotify d’ora in poi”.

So maneggiare un foglio di calcolo quasi quanto un mixer da DJ”, ha dichiarato il DJ John Summit. “Il mio primo lavoro in assoluto è stato in contabilità, dove sono diventato decisamente bravo a usare i fogli di calcolo, e credo che la creatività possa essere presente in ogni lavoro. Ecco perché sono davvero entusiasta di collaborare con Spotify a questo progetto, usando il mio brano ‘Shiver’ per trasmettere emozioni laddove solitamente le persone non si aspetterebbero di provarle”. 

Fun Fact: Anziché inserire semplicemente un video preconfezionato nel foglio di calcolo, Spotify ha collaborato con i suoi partner FCB NY e Uncharted per codificare l’intero video musicale direttamente al suo interno, utilizzando funzioni come ASCII, grafici, Unicode e formattazione condizionale. 

Dopo una lunga serie di test condotti in 14 mercati, tra cui Italia, Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania, Spagna, Francia, Brasile, Messico, Australia, India e Singapore, questa settimana Spreadbeats arriverà direttamente nelle caselle e-mail di brand e agenzie, cogliendoli di sorpresa e offrendo loro l’opportunità di entrare in un mondo dal quale non vorranno più uscire.