“Recensisci Responsabilmente”: TheFork svela la guida per scrivere recensioni utili ed efficaci

TheFork, piattaforma nella prenotazione dei ristoranti, presenta “Recensisci Responsabilmente”, un vademecum che si rivolge agli utenti e ai consumatori per scrivere recensioni equilibrate e utili sia per la community che per i gestori dei ristoranti. Una guida su cui TheFork ha deciso di investire attraverso una campagna pubblicitaria su Youtube oltre che su tutti i propri canali di comunicazione per ribadire il suo impegno non solo nell’assicurare recensioni verificate, ma anche nell’educare la community all’uso di questo strumento.  

Una recente ricerca condotta su un campione rappresentativo di italiani ha evidenziato che oltre il 50% dei consumatori considera le recensioni come il criterio principale nella scelta dei propri acquisti, con particolare rilevanza nel settore della ristorazione. Per TheFork questo rappresenta un elemento sostanziale, proprio perché all’interno della piattaforma sono presenti oltre 15 milioni di recensioni e più di 36 milioni di votazioni pubblicate, con una media di oltre 700.000 recensioni solo in Italia nel 2023. L’ultimo sondaggio della piattaforma, inoltre, rivela che quasi la metà degli intervistati (44,2%) legge in media più di 5 recensioni prima di scegliere e prenotare un ristorante.

Le recensioni rappresentano un valido supporto per i consumatori e un efficace strumento di marketing per le piccole e medie imprese”, commenta Carlo Carollo, Country Manager Italia di TheFork. “Oltre a contrastare le frodi, impegno che TheFork abbraccia da sempre, è essenziale che tutti si impegnino a creare un ‘sistema meritocratico’ che premi la qualità. Sulla nostra piattaforma, i ristoranti con voti dall’8 al 10 ricevono 3,5 prenotazioni in più rispetto a quelli che hanno voti inferiori.

Il vademecum “Recensisci Responsabilmente” suggerisce consigli pratici per la stesura di una valutazione utile, sia ai futuri clienti del locale, sia ai gestori:

  • Se non ci mangi, non posti: è fondamentale che una recensione sia basata sull’esperienza diretta di consumare almeno un pasto nel locale. Questo assicura una valutazione accurata e significativa, evitando giudizi basati su supposizioni o informazioni parziali.
  • Bilancia il giudizio: evita estremi sia nell’elogiare che nel criticare il locale, fornendo un giudizio ponderato e equilibrato.
  • Considera tutti gli aspetti: una recensione efficace dovrebbe tener conto di vari parametri, tra cui l’offerta del menù, il servizio, i prezzi e la lista dei vini. Ma anche la ragione della tua visita, l’ambiente e l’accoglienza ricevuta. Questi dettagli sono cruciali per offrire agli altri utenti un quadro completo dell’esperienza e per aiutare i gestori dei ristoranti a comprendere meglio le preferenze dei clienti.
  • Sii onesto e trasparente: ammetti eventuali incertezze e adatta il tono della recensione al tipo di ristorante o esperienza gastronomica. La trasparenza e l’onestà sono fondamentali per mantenere l’integrità delle recensioni e la fiducia degli utenti.
  • Scrivi in modo chiaro e corretto: utilizza uno stile naturale, chiaro e corretto, evitando eccessi o errori di forma o di linguaggio.
  • Rispetta la privacy e mantieni un tono civile: evita di condividere informazioni personali e utilizza un linguaggio rispettoso. Offri critiche costruttive che possano essere utili sia agli altri utenti che ai gestori dei ristoranti.

Una delle principali misure adottate da TheFork per garantire l’integrità e l’affidabilità delle recensioni è il requisito che solo coloro che hanno effettivamente prenotato e consumato nel ristorante hanno il permesso di lasciare una recensione. Questo processo di verifica garantisce che le recensioni siano basate su esperienze reali e autentiche.

Inoltre, la piattaforma utilizza avanzati sistemi di controllo automatico e manuale per verificare e moderare le recensioni. Questi sistemi analizzano i commenti alla ricerca di parole che hanno un’alta probabilità di essere contenute in recensioni sospette. Si tratta di termini che di per sé non sono negativi, ma che potrebbero essere inclusi per esempio in recensioni discriminatorie. Inoltre, un’equipe di esperti esamina manualmente le recensioni in caso di dubbi o segnalazioni da parte degli utenti.