Andy Garcia conduce i Laureus World Sports Awards 

Sarà Andy Garcia, star di Hollywood, a condurre la 25ª edizione dei Laureus World Sports Awards, gli Oscar dello sport, l’evento più prestigioso del calendario sportivo internazionale, in programma a Madrid, presso lo storico Palacio de Cibeles, lunedì prossimo 22 aprile. 

Il nome di Andy Garcia si aggiunge a quelli di altre stelle del cinema che hanno già presentato in passato i Laureus Awards come Bill Murray, Hugh Grant e Benedict Cumberbatch. Andy Garcia ha recitato in alcuni dei film più amati degli ultimi 30 anni, ma prima di coronare il suo sogno di attore sognava di diventare un atleta professionista. Ha giocato a basket e a baseball ed il suo allenatore della Little League a Miami è stato un altro attore candidato all’Oscar, Mickey Rourke. 

Per quattro decenni Andy Garcia ha illuminato il piccolo e il grande schermo, recitando in film come Il Padrino – Parte III, per il quale è stato candidato all’Oscar, Gli Intoccabili e Ocean’s 11 e i relativi sequel. Ma il suo amore per lo sport non è mai venuto meno: Andy Garcia, infatti, partecipa regolarmente a eventi di golf, ha effettuato il primo lancio in occasione di una partita dei Los Angeles Dodgers nella Major League ed è spesso in prima fila allo Staples Centre per guardare i “suoi” Los Angeles Lakers. 

«Lo sport ha sempre avuto un ruolo importante nella mia vita» ha affermato Andy Garcia. «Prima di pensare di diventare un attore, volevo essere un atleta. E oggi adoro ancora uscire sul campo da golf o guardare la mia squadra del cuore giocare. Lo sport ha un potere speciale. È un potere su cui i Laureus Awards fanno leva. Per me è davvero un grande onore poter presentare quest’anno questi premi nella bellissima città di Madrid. Tutti gli atleti che saranno premiati il prossimo 22 aprile sono veri eroi. Ci hanno stupito con imprese apparentemente sovrumane. Questa generazione di atleti può anche modellare il mondo che li circonda, sia attraverso il lavoro che svolge lontano dai riflettori sia affrontando delicate tematiche quando sa che il mondo li sta ascoltando. Quello che abbiamo vissuto nel 2023 è stato un anno sportivo indimenticabile e non vedo l’ora di celebrare i suoi eroi ai Laureus World Sports Awards»

La cerimonia di premiazione sarà trasmessa in tutto il mondo. In Italia, i Laureus Awards saranno trasmessi in diretta su Sky Sport Uno, Sky Sport Arena e in streaming su NOW lunedì 22 aprile, alle ore 20.00 con il commento di Giovanni Bruno, Nicola Roggero e Ghilda Pensante. Collegamenti in diretta su Sky Sport 24 con l’inviata Valentina Fass, pronta a raccogliere direttamente sul red carpet le interviste con le stelle dello sport e dello spettacolo presenti alla serata. 

I vincitori delle diverse categorie saranno decretati dalla Laureus World Sports Academy, la giuria per eccellenza composta da 69 leggende dello sport, dopo che oltre 1300 giornalisti di tutto il mondo hanno già espresso il loro voto, definendo le nomination.

La lista dei candidati di quest’anno include i più grandi atleti del mondo. Il vincitore dello scorso anno, Lionel Messi, è nuovamente nominato come “Sportivo dell’anno” assieme a Erling Haaland, Mondo Duplantis, Noah Lyles, Max Verstappen e Novak Djokovic. Le stelle olimpiche della pista Sha’Carri Richardson, Faith Kipyegon e Shericka Jackson sono nella rosa dei candidati insieme con Iga Świątek, Mikaela Shiffrin e Aitana Bonmatí. Non meno di 15 vincitori di medaglie d’oro olimpiche e paralimpiche parteciperanno ai prossimi Laureus Awards, che anticiperanno di pochi mesi le Olimpiadi estive di Parigi 2024. Agli atleti medagliati si aggiungeranno anche altri campioni e detentori dei record del mondo di molte discipline sportive.

A impreziosire il parterre de rois nomi di spicco come Raúl, Cafu, Ruud Gullit; Jessica Ennis-Hill, Michael Johnson, Edwin Moses, Sean Fitzpatrick, Bryan Habana e Martina Navratilova. 

I media presenti avranno così l’opportunità di intervistare i membri della Laureus Academy e le altre stelle dello sport presenti a Madrid. 

ECCO L’ELENCO COMPLETO DEI NOMINATI

Laureus World Sportsman of the Year Award (Sportivo dell’anno)

Novak Djokovic (Serbia), tennis

Mondo Duplantis (Svezia), atletica leggera

Erling Haaland (Norvegia), calcio

Noah Lyles (USA), atletica leggera

Lionel Messi (Argentina), calcio

Max Verstappen (Paesi Bassi), automobilismo

Laureus World Sportswoman of the Year Award (Sportiva dell’anno)

Aitana Bonmatí (Spagna), calcio

Shericka Jackson (Giamaica), atletica leggera 

Faith Kipyegon (Kenia), atletica leggera

Sha’Carri Richardson (USA), atletica leggera  

Mikaela Shiffrin (USA), sci alpino 

Iga Świątek (Polonia), tennis 

Laureus World Team of the Year Award (Squadra dell’anno)

Team Europe Ryder Cup, golf

Nazionale maschile tedesca di basket  

Manchester City (Inghilterra), calcio

Squadra Formula Uno Oracle Red Bull Racing (Austria), automobilismo

Springboks (Sudafrica), rugby   

Nazionale femminile di calcio spagnola

Laureus World Breakthrough of the Year Award (Rivelazione dell’anno)

Jude Bellingham (UK), calcio

Linda Caicedo (Colombia), calcio 

Coco Gauff (USA), tennis

Qin Haiyang (Cina), nuoto

Josh Kerr (UK), atletica leggera

Salma Paralluelo (Spagna), calcio

Laureus World Comeback of the Year Award (Ritorno dell’anno)

Simone Biles (USA), ginnastica artistica

Sébastien Haller (Costa d’Avorio), calcio

Katarina Johnson-Thompson (UK), atletica leggera

Siya Kolisi (Sudafrica), rugby

Jamal Murray (Canada), basket

Markéta Vondroušová (Repubblica Ceca), tennis

Laureus World Sportsperson of the Year with Disability Award (Sportivo con disabilità)

Simone Barlaam (Italia), nuoto paralimpico

Danylo Chufarov (Ucraina), nuoto paralimpico

Diede de Groot (Paesi Bassi), tennis in carrozzina

Luca Ekler (Ungheria), atletica paralimpica

Nicole Murray (Nuova Zelanda), ciclismo paralimpico

Markus Rehm (Germania), atletica paralimpica

Laureus World Action Sportsperson of the Year Award (Sportivo dell’anno negli sport d’azione)

Rayssa Leal (Brasile), skateboard

Caroline Marks (USA), surf

Kirsten Neuschȁfer (Sudafrica), vela

Bethany Shriever (UK), bmx

Filipe Toledo (Brasile), surf

Arisa Trew (Australia), skateboard

Laureus Sport for Good Award (Sport per il bene comune)

Programmi selezionati da una giuria specializzata. La Laureus Academy sceglierà il vincitore

Bola Pra Frente (Brasile), multi-sport, utilizza lo sport per aumentare le opportunità di educazione per i giovani  

Dancing Grounds (USA), con la danza favorisce l’integrazione sociale

Fundación Rafa Nadal (Spagna), il tennis è strumento per favorire l’istruzione

ISF Cambodia, calcio per l’istruzione – Ha l’obiettivo di interrompere il ciclo di povertà attraverso il calcio 

Justice Desk Africa (Sudafrica), multi-sport per i diritti umani – Aiuta I giovani a lottare per i loro diritti umani attraverso lo sport 

Obiettivo Napoli (Italia)  multi-sport per l’inclusione – Attraverso calcio, basket, pallavolo e taekwondo si contrasta violenza, disuguaglianza e discriminazione.