Rai Documentari racconta gli anni del Derby Club Cabaret di Milano con “C’era una volta il Derby Club”

Italian actors and comedians Diego Abatantuono, Massimo Boldi, Teo Teocoli (Antonio Caracciolo), Renato Pozzetto, Cochi Ponzoni, Felice Andreasi, Gianni Magni and Italian singers and songwriters Enzo Jannacci and Tony Santagata posing smiling at the Derby Club. Milan, 1970s. (Photo by Mondadori via Getty Images)

“C’era una volta il Derby Club”, una produzione Samarcanda Film in collaborazione con Rai Documentari, in onda venerdì 19 aprile in prima serata su Rai Tre, racconta per la prima volta la storia del Derby Club Cabaret di Milano. Il documentario, narrato da Elio di Elio e le Storie Tese, ripercorre la vita dell’iconico locale di cabaret milanese, attraverso ricchi materiali di repertorio e numerose interviste ai personaggi che hanno animato il Club e che sono diventati, negli anni, delle icone della comicità italiana. Tra questi, Cochi Ponzoni, Paolo Rossi, Massimo Boldi, Claudio Bisio, Antonio Catania e Aldo, Giovanni e Giacomo.

Dagli inizi degli anni ‘60 fino al 1985, il Derby Club Cabaret fu uno dei punti di incontro più alla moda di Milano. Per più di vent’anni, qui si sono esibite varie generazioni di comici destinati a entrare nella storia dello spettacolo italiano, che hanno dato vita a una scuola di comicità attraversata da venature anarchiche e surreali destinata a rimanere senza eguali. Un periodo indimenticabile, una vera e propria epopea, che il documentario riesce a raccontare in maniera unica e totalmente inedita. È la Milano dei dialetti, la Milano di Enzo Jannacci, e la Milano del cabaret, che trova nel Derby Club una vera celebrazione. I comici che si alternano sul piccolo palco sono poco più che dilettanti, ma quella palestra un po’ surreale plasma i loro talenti, e quasi tutti quelli che passano per il cabaret di via Monterosa riusciranno negli anni a farsi largo nel mondo dello spettacolo televisivo, teatrale e cinematografico e a conquistare il pubblico italiano.

Cabaret alternativo e a suo modo rivoluzionario, il Derby riuscì in poco tempo a diventare il locale notturno più alla moda della città. Arrivati in viale Monterosa, l’insolita insegna del civico 84 accoglieva con il suo fascio di luce giallognola. Si scendeva una ventina di gradini e si trovava una grande entrata con locandine e poster alle pareti. Si passava poi per il bar, e ci si ritrovava in uno spazio arredato con tavolini con sedie, divanetti e puff bassi, grandi vetrate, pareti nere, e al centro una pedana su cui si esibivano gli artisti. La scaletta delle serate poteva cambiare ed esplodere in qualsiasi momento, e in quei locali si poteva incontrare la Milano alternativa degli intellettuali, attori, registi famosi, designer e pubblicitari. E poi nobiltà, decaduta e non, calciatori, sportivi, giornalisti. Tutta Milano era al Derby e il Derby raccontava Milano inventando un nuovo modo di ridere.

Rai Documentari rende omaggio al Derby Club, alla sua storia unica e mai raccontata prima d’ora, e ad una generazione di comici che ha segnato la storia della comicità italiana.

Scheda tecnica

Una produzione Samarcanda Film in collaborazione con Rai Documentari

Autori: Marco Spagnoli, Piero Bodrato, Leonardo Barrile, Francesco Favale

Regia: Marco Spagnoli

Produttore Rai: Fabio Mancini

Durata: 1×90’