Grazia, Tom Dixon direttore ospite di un numero speciale creato con l’IA

In occasione del Salone del Mobile e del FuoriSalone 2024, Grazia, il magazine del Gruppo Reworld Media diretto da Silvia Grilli, presenta il numero speciale generato con l’intelligenza artificiale che vede il grande designer britannico Tom Dixon in qualità di direttore ospite. Dixon ha scelto di dedicare il numero a un’esplorazione delle applicazioni dell’intelligenza artificiale.

Le opere realizzate in esclusiva per Grazia dell’artista digitale Hey Reilly mixano la tecnica del collage all’estetica dell’Intelligenza Artificiale generativa, e la copertina rende omaggio a due icone italiane: la Gioconda di Leonardo Da Vinci e un vaso del designer Gaetano Pesce, da poco scomparso.

Dixon ha scelto d’indagare con Grazia il mondo dell’intelligenza artificiale, raccontandone le opportunità creative, l’importanza per la scienza, l’ambiente, la musica, senza tacere sui rischi e i limiti di questa dirompente tecnologia. 

“La curiosità di Tom, la sua estetica rivoluzionaria ci ha portati oltre i nostri confini per esplorare nuovi mondi creativi, valutarne le possibilità e dichiararne i rischi. È stata un’esperienza entusiasmante di cui ringrazio Dixon e la sua squadra”, dice la direttrice di Grazia, Silvia Grilli.

“L’invito a curare questo numero speciale di Grazia è stata un’incredibile opportunità per immergersi nel mondo impossibile, in rapido movimento ed esilarante dell’Intelligenza Artificiale”, spiega Dixon. “È stato istruttivo giocare con il formato tradizionale delle pagine del magazine e assistere a risultati nuovi e spesso inaspettati. È stato un viaggio illuminante e un privilegio poter portare nuove voci alla rivista. Grazie a Silvia e al team di Grazia per la pazienza, la generosità e il sostegno con cui avete condiviso questo prezioso spazio editoriale”.

In questo numero visionario si parlerà dei cambiamenti che il design e la progettazione architettonica contemporanea stanno vivendo grazie all’integrazione sempre più radicata dell’intelligenza artificiale. Queste tecnologie avanzate stanno rivoluzionando alla radice il modo stesso in cui la società, gli architetti, ma anche gli scienziati e gli artisti in generale concepiscono, creano e realizzano i loro progetti.

Il team grafico di Tom Dixon ha dato un apporto esclusivo alla parte visiva del numero con grafiche all’avanguardia e ad altissimo impatto.

Dixon ha dialogato personalmente con alcuni grandi protagonisti: il chirurgo dell’Imperial College di Londra James Kinross, l’editore controcorrente Jefferson Hack, il creativo digitale Hey Reilly che ha conquistato il mondo della moda con i suoi collage e che firma la copertina di questo numero. In un originale portfolio il famoso designer britannico racconta i suoi pezzi iconici con un nuovo linguaggio visivo.

Lo studio americano Maison Meta, specializzato in Intelligenza Artificiale, ha realizzato per Grazia un servizio di moda ambientato in un futuro dove macchine ed esseri umani convivono. 

La stilista Norma Kamali racconta in un’intervista esclusiva il progetto più ambizioso della sua carriera: educare un’intelligenza artificiale a creare abiti e accessori con il suo stile, in modo da far sopravvivere le sue idee oltre ogni limite del tempo. 

La food stylist e artista Francesca Sarti ha invece immaginato per questo numero un menù generato con l’Intelligenza Artificiale fatto di zabaioni iridescenti, pizze glaciali e pane di Luna.

Il numero presenta altre storie in cui design e tecnologia si fondono, in cui i protagonisti sono, tra gli altri, l’artista visivo Philippe Parreno, la fotografa Maria Mavropoulou, le curatrici d’arte Alice Rawsthorn e Paola Antonelli, l’artista Wolfe von Lenkiewicz.

Il numero straordinario di Grazia sarà in edicola e su app da domani, giovedì 18 aprile, fino al 25 aprile.