“Ensemble”, il podcast dedicato alla mostra di Julie Mehretu a Palazzo Grassi 

Palazzo Grassi – Punta della Dogana presenta il podcast “Ensemble” realizzato in collaborazione con Chora Media in occasione della mostra personale di Julie Mehretu: una narrazione audio trilingue (italiano, inglese, francese) in due episodi, scritta da Ivan Carozzi e disponibile su tutte le piattaforme di ascolto online (Spotify, Apple Podcast, Spreaker, Google Podcast) e sul sito pinaultcollection.com/palazzograssi a partire da martedì 16 aprile. 

“Ensemble” è la prima grande mostra personale di Julie Mehretu in Italia, curata da Caroline Bourgeois in collaborazione con l’artista. Invitata a concepire questo importante progetto espositivo, Julie Mehretu ha deciso di coinvolgere alcuni artisti, amici e colleghi con cui condivide affetto e stima: Nairy Baghramian, Huma Bhabha, Robin Coste Lewis, Tacita Dean, David Hammons, Paul Pfeiffer e Jessica Rankin. 

Il progetto si inserisce nell’ambito delle attività di innovazione, accessibilità e approfondimento scientifico di Palazzo Grassi – Punta della Dogana, il podcast si presenta come un prodotto audio inclusivo per il pubblico italiano e internazionale. “Ensemble” accompagna l’ascoltatore in un viaggio tra suoni e immagini che arricchisce la visita alla mostra, ma è anche immaginato come un prodotto editoriale autonomo, fruibile da lontano nei tempi e nelle modalità più congeniali al pubblico digitale, prima o dopo aver percorso le sale di Palazzo Grassi, oppure può anche essere soltanto un dispositivo che aiuta a immaginare le atmosfere e le visioni offerte dalla mostra. 

Con “Ensemble”, il visitatore ha la possibilità di conoscere la giovinezza dell’artista e il contesto politico sociale in cui si è formata, i suoi viaggi e la costruzione della comunità artistica in cui la sua arte è cresciuta e ha raggiunto il successo, sino all’arrivo delle sue opere a Venezia. 

La serie è composta da 2 puntate in italiano, dal titolo “Dall’Etiopia agli Stati Uniti” e “A Venezia, insieme”, 2 in inglese e 2 in francese da 25 minuti circa ciascuna. 

Il podcast è scritto da Ivan Carozzi, giornalista, scrittore e autore di programmi TV e podcast che per Palazzo Grassi ha già curato nel 2022 “Una specie di tenerezza. Marlene Dumas fra parole e immagini” sull’opera artistica di Marlene Dumas e nel 2023 “Chronorama, istantanee dal Novecento” su una selezione di 400 fotografie, tratte dal progetto espositivo “Chronorama. Tesori fotografici del 20° secolo” che per la prima volta presentava lo straordinario archivio Condé Nast recentemente acquisito della Pinault Collection. 

Le voci narranti sono di Sara Poma per l’italiano, Kaitlin Prest per la versione in inglese, e Chloé Barreau, per il francese. “Ensemble” è la storia di un’artista nata nella tumultuosa Etiopia degli anni Settanta e cresciuta negli Stati Uniti di Ronald Reagan, capace di raccontare le fratture e le oscillazioni del nostro tempo attraverso un linguaggio pittorico di vera grazia e rara potenza. 

Il primo episodio, “Dall’Etiopia agli Stati Uniti”, vede la partecipazione dell’artista Julie Mehretu, Francesca Sibàni, editor di Africa per Internazionale, e una testimonianza dell’artista Paul Pfeiffer. Il racconto porta l’ascoltatore in Etiopia, ad Addis Abeba, dove l’artista nasce nel 1970 e trascorre la sua infanzia. A causa dell’instabilità politica del paese, all’età di sette anni è costretta a trasferirsi con la famiglia negli Stati Uniti. Gli anni ‘80 sono il periodo della crescita, mentre gli anni ‘90 della rivoluzione digitale e questo ventennio fa da sfondo al suo apprendistato pittorico. Mehretu si afferma definitivamente nel nuovo millennio, grazie a uno stile potente e inconfondibile, dove confluiscono e si smarriscono diverse influenze e fonti d’ispirazione, dall’architettura ai grandi eventi storici del nostro tempo. Nel suo cammino, tuttavia, non è mai sola, ma sempre accompagnata da un gruppo di amici e artisti, quelli della comunità di Denniston Hill. 

Il secondo episodio prende il titolo: “A Venezia, insieme” ed entra nel vivo della mostra “Ensemble” a Palazzo Grassi, offrendo un affondo speciale su alcune opere di Julie Mehretu, con l’aiuto della sua stessa voce e un commento della curatrice Caroline Bourgeois. Le voci conducono alla scoperta delle opere degli altri artisti in mostra, con la testimonianza di uno di loro, Paul Pfeiffer, amico e parte della comunità di affetti di Mehretu. Inoltre, grazie alla voce di Jason Moran, pianista e compositore jazz di fama internazionale, viene trattato n aspetto di grande suggestione della pittura di Mehretu: il suo profondo legame con la musica. 

“Ensemble”, prodotto da Palazzo Grassi – Punta della Dogana e Chora Media, scritto da Ivan Carozzi, è disponibile gratuitamente a partire da martedì 16 aprile sulle piattaforme Spotify, Apple Podcast, Spreaker, Google Podcast) e sul sito pinaultcollection.com/palazzograssi.