Marie Claire di aprile indaga il potere della la solitudine. In allegato il primo Marie Claire Enfants dell’anno

In edicola questa settimana il nuovo numero di aprile di Marie Claire e ancora una volta il magazine di Hearst tratta un’inchiesta collettiva continuando il percorso delle inchieste che guardano al costume nella sua interezza: economica, sociale ed emotiva. 

Questo mese porta all’attenzione dei lettori  il “potere della solitudine”, come un elemento che permette di riflettere su chi siamo e chi stiamo diventando. Un argomento corale che raccoglie tre storie molto diverse da loro: la donna che sceglie di isolarsi nel paesino di montagna diventando “una crepa nel sistema” che ci vuole eternamente connessi, le storie di chi si isola e scava nel deep fake del mondo del porno, dove tra intelligenze artificiali e rischi di rubare le identità altrui si spegne anche il più libero dei desideri e infine la solitudine della depressione che diventa un’opportunità per cambiare vita e lavoro nella storia di una tassista coraggiosa. 

La cover di Marie Claire è invece dedicata alla “moda nuova”: un’autentica primavera dello stile dove la personalità di chi indossa gli abiti è il vero, unico, lusso da mostrare.

Insieme a Marie Claire esce il primo Marie Claire Enfants dell’anno. Un allegato  che si rivela sempre più attento e dedicato all’equilibrio delle nuove famiglie, mettendo fin da subito l’accento su un problema di grande attualità: quanto costa avere un figlio?  Si parla inoltre di come gestire l’arrivo di un secondo bambino e in quali case vorrebbero davvero vivere i nostri figli. 

Parte con questo numero anche la prima inchiesta del 2024 che coinvolge tutta l’audience del mensile e che Marie Claire porterà live ai Volvo Studios il 12 aprile: il tema è il Balance Maternità e Lavoro. La serata si strutturerà in 3 talk di 20 minuti ciascuno in cui saranno presentate le diverse sfaccettature e testimonianze di un ritorno al lavoro post maternità.