“Guerre Incivili – La Guerra Civile Americana”, Marco Cappelli racconta una delle pagine più feroci della storia americana

Sono in corso le primarie per le elezioni presidenziali negli Stati Uniti d’America 2024, un momento cruciale per la politica internazionale. Dopo gli eventi del 6 gennaio 2021, quando un gruppo di sostenitori di Donald Trump si scatenò sul Campidoglio – cuore della democrazia americana – è tornata d’attualità la paura per una futura seconda guerra civile, tra stati “rossi” e stati “blu”, tra democratici e repubblicani, tra le coste liberal e il cuore profondo dell’America. 

Per comprendere la polarizzazione della moderna politica americana e stimare al meglio i rischi per gli Stati Uniti e il Mondo, è necessario guardare all’esempio della prima guerra civile americana. L’America moderna, quella che potremmo chiamare la “seconda repubblica” americana nasce lì, nel fuoco e nell’acciaio del peggiore conflitto mai combattuto sul continente americano. 

Cosa portò alla nascita del partito Repubblicano? 

Perché Nord e Sud sembrano così divisi ancora oggi, lungo una linea che ricorda quella della guerra civile? 

In che modo delle elezioni, pur con un chiaro vincitore, possono portare alla disunione e alla guerra? Quali sono le radici più profonde dell’odio razziale negli Stati Uniti? 

Che significato ha la cittadinanza, e il concetto di ius soli opposto allo ius sanguinis

Conoscere la storia, conoscere il passato, ci aiuta a comprendere il presente. Un principio fondamentale della conoscenza che Marco Cappelli, divulgatore appassionato di storia, ha fatto diventare una vera e propria missione. 

Cappelli torna in esclusiva su Storytel da mercoledì 28 febbraio con un podcast interamente dedicato a capire il passato e il presente USA, indagando una delle pagine più feroci della storia americana: Guerre Incivili – La Guerra Civile Americana.

In 8 puntate, il racconto di un paese in vertiginosa crescita economica, demografica e militare che si ritrovò ad affrontare la sua crisi più profonda e drammatica, una tempesta che mise in dubbio la stessa sopravvivenza dello Stato. Quando finalmente si calmarono le acque, gli americani contarono più di 600.000 morti: nella guerra civile, morirono più soldati americani che nella Seconda guerra mondiale.