Secondo uno studio dell’UE la maggior parte degli influencer non ammette di fare pubblicità

Uno studio dell’UE ha rilevato che l’80% degli influencer su piattaforme come Instagram e TikTok non pubblicano pubblicità nei propri post, violando la legislazione dell’UE. Su 576 influencer controllati, solo il 20% ha costantemente identificato i propri contenuti come annunci pubblicitari, nonostante il 97% pubblichi contenuti commerciali.

La Commissione Europea, insieme a 22 Stati membri dell’UE, Norvegia e Islanda, ha condotto lo studio per garantire il rispetto delle leggi sulla tutela dei consumatori. L’indagine ha evidenziato la necessità di una solida legislazione digitale e ha identificato 358 influencer da sottoporre a ulteriore esame e potenziale azione.

Lo studio ha anche rivelato influencer che promuovono attività malsane o rischiose, influenzando la valutazione dell’UE delle leggi sui consumatori per un’efficace protezione dei consumatori digitali.