“Una ragione per restare”, il podcast che racconta l’integrazione possibile grazie al lavoro e all’accoglienza

La nostalgia è un sentimento universale legato a momenti preziosi della vita, ma per chi è costretto a lasciare il proprio Paese diventa un peso enorme. È un’esperienza condivisa, come dimostrano le storie degli italiani che emigravano in America agli inizi del Novecento e di chi arriva in Italia oggi. Trovare un motivo per restare significa superare quel senso di lontananza da casa, costruendo un futuro in un luogo ancora sconosciuto.

È questo il filo conduttore che lega le storie di Una ragione per restare, nuovo podcast di Chora Media per Randstad che racconta le storie di chi ha dovuto lasciare il proprio Paese e ha trovato un senso e una speranza in una cosa molto semplice quanto cruciale: la possibilità di un lavoro.

Nel corso di quattro puntate, si scopriranno le storie di Abdulkarim dall’Afghanistan, Anastasiia dall’Ucraina, Hamady e Marieme dal Senegal, quattro migranti, scelti tra i circa 5.000 che grazie all’iniziativa Without Borders di Randstad hanno avuto l’opportunità di accedere a un percorso di formazione e integrazione sociale che si è trasformata poi in lavoro, dando così forma a una nuova vita e a una ragione per restare in Italia e poterla finalmente vedere come casa. 

A guidare la narrazione è l’attore Alberto Boubakar Malanchino, la cui voce si alterna a quella dei quattro protagonisti e a quelle di Francesca Passavanti, Responsabile del programma Randstad Without Borders, e Giulia Ricci, docente di lingua e cultura italiana.

Una ragione per restare è disponibile dal 7 febbraio sulle principali piattaforme audio gratuite (Spotify, Apple Podcast, Spreaker e Google Podcasts).

“Without Borders” è il programma di Randstad che favorisce l’integrazione occupazionale di migranti e rifugiati in Italia e l’interculturalità nelle organizzazioni. Dalla nascita ad oggi, oltre 5600 migranti e rifugiati hanno beneficiato di attività gratuite di orientamento, coaching e formazione gratuiti. Dal 2022 ad oggi, Randstad ha offerto anche a 1780 rifugiati ucraini percorsi di apprendimento della lingua italiana, bilancio delle competenze, counseling e ascolto psicologico; di questi 570 hanno completato gli step di formazione e preparazione all’inserimento lavorativo e 240 hanno trovato un’opportunità di inserimento in Italia. L’iniziativa è stata attenzionata dall’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) e riconosciuta con il premio “We Welcome” per aver supportato aziende e rifugiati nella realizzazione di percorsi di inclusione lavorativa.

Credits

Una ragione per restare è una serie podcast di Chora promossa da Randstad.

Raccontata da Alberto Malanchino, scritta da Simone Clemente, in redazione Alice Facchini.

I fonici di presa diretta sono Aurora Ricci e Lucrezia Marcelli.

Il fonico di studio è Luca Possi. 

La post produzione e il montaggio sono di Cosma Castellucci, Andrea Girelli, Emanuele Moscatelli e Guido Bertolotti.

La supervisione del suono e della musica è di Luca Micheli. 

La senior producer è Anna Nenna. 

La cura editoriale è di Sara Poma.