Prosit Group inaugura l’anno con una nuova identità di marca. 

Prosit Group, innovativa holding attiva nel settore vitivinicolo, inaugura l’anno con una nuova identità di marca. L’azienda unica per business model ha infatti rinnovato la propria veste grafica e lanciato un nuovo sito web in doppia lingua (italiano e inglese), avviando così un percorso di rebranding. Anche il logo istituzionale è stato rivisitato per mantenere un senso di autorevolezza e atemporalità, presentandosi tuttavia in un’estetica essenziale e contemporanea.

Con un approccio dal carattere più moderno e una componente visiva ad alto impatto, l’attuale strategia di comunicazione si pone l’obiettivo di rafforzare il ruolo del gruppo come punto di raccordo tra le diverse realtà dell’azienda, aspirando al contempo a diventare un modello di riferimento per il comparto del vino italiano. L’assetto imprenditoriale adottato prevede che il gruppo entri nel capitale delle cantine, lasciando loro la gestione ordinaria e operativa, assicurando supporto strategico negli ambiti finanziario, logistico, commerciale e di marketing.

La nuova Corporate Identity è stata realizzata in collaborazione con Usopposto, agenzia di graphic design con sede in Puglia. Il sito prositgroup.it è stato realizzato grazie a Deepartweb, digital agency veronese, con una supervisione sui contenuti di Homina, partner di Prosit Group per la comunicazione istituzionale.

“Siamo orgogliosi di presentare la nuova corporate identity del nostro gruppo – dichiara Luca MaruffaHead of Marketing di Prosit Group – Non un semplice atto formale, ma l’espressione di un’integrazione sempre più forte tra persone, marchi e aziende che vogliamo sempre più uniti nei processi interni e nei rapporti con l’esterno.”

Con oltre 26,5 milioni di bottiglie prodotte e un fatturato di 83 milioni di euro – di cui il 61% registrato all’estero – sviluppato in più di 60 mercati e 800 ettari coltivati in cinque regioni diverse, Prosit Group mira a diffondere la cultura della qualità, valorizzando i territori d’eccellenza e offrendo ai propri clienti le principali denominazioni mediante un portafoglio di brand completo e sinergico: Cantina di Montalcino (Toscana), Torrevento (Puglia), Nestore Bosco (Abruzzo), Tenuta di Collalbrigo (Veneto), oltre allo storico marchio La Cacciatora Di Casa Vinicola Caldirola. Di particolare rilevanza i ricavi esteri dell’azienda, passati da 14,3 a 50,5 milioni di euro, con al primo posto gli Stati Uniti grazie anche al contributo dato dall’importatore e distributore nordamericano Votto Vines Importing, acquisito nel 2021.