xFarm Technologies lancia il suo nuovo sito web in 8 lingue realizzato da Lhub e Blhack

La software house Blhack e la digital mad-tech company data-driven Lhub sono state scelte per il rinnovo del sito web corporate di xFarm Technologies, realtà specializzata nel campo dell’Agricoltura 4.0 e in progetti di digitalizzazione e sostenibilità delle filiere agroalimentari. Le due agenzie, entrambe parte del gruppo Underdogs, si sono occupate rispettivamente dello sviluppo del sito e dell’ottimizzazione dello stesso per i motori di ricerca (SEO). 

“xFarm Technologies è una realtà in grande crescita, con forti prospettive di sviluppo anche oltre il territorio nazionale, ecco perché il nuovo sito web è disponibile in 8 lingue. Uno degli obiettivi di xFarm Technologies è la diffusione di un approccio sempre più 4.0 all’agricoltura a vantaggio dell’ecosostenibilità delle produzioni agroalimentari in Italia e non solo. Siamo quindi molto lieti di poter dare il nostro contributo, mettendo a disposizione le nostre competenze tecniche, a beneficio della comunicazione di una realtà con un intento tanto lungimirante.” – commenta Emanuele Barban, CEO di Blhack.

Il progetto, nato dalla collaborazione tra Blhack e Lhub, ha visto l’impegno di team multidisciplinari, a lavoro sia sul fronte strategico che su quello estetico e progettuale. 

Lhub si è occupata in particolare della SEO, con un focus sull’analisi dei mercati e dei competitor per la ricerca delle parole chiave quindi poi nell’ottimizzazione dei testi del sito” commenta Andrea Tommaso d’Aietti, CEO di Underdogs Group. 

Nel redesign di questo sito web un ruolo fondamentale ha avuto la funzionalità. xFarm Technologies necessitava infatti di un sito web di ancor più semplice navigazione rispetto al precedente, capace cioè di supportare gli utenti nella scoperta delle molteplici soluzioni offerte, dalle progettazioni personalizzate alla formazione. Aveva bisogno di un sito che parlasse in un codice intuitivo con un’interfaccia di facile utilizzo. Interessante la scelta tecnologica che è ricaduta su Webflow, un’applicazione SaaS che consente di costruire siti web responsive con un software di editing visivo basato su browser” – conclude Emanuele Barban, CEO di Blhack.

“Per noi il sito-web è molto più di una vetrina: volevamo dare ai nostri utenti (attuali e potenziali) un unico luogo in cui sensibilizzarsi sui cambiamenti del mondo agricolo, come l’agricoltura rigenerativa e l’AI, scoprire i nostri servizi e trovare le risorse per utilizzarli al meglio. Abbiamo affrontato questo progetto come se dovessimo re-inventare la strategia marketing, dal branding all’offering, adattando i contenuti anche in corso d’opera per coprire nuovi servizi, target e mercati. Cercavamo un partner che avesse la visione e la flessibilità per poter supportare una Tech Scale-up con i suoi ritmi e necessità: la collaborazione con Blhack e Lhub ci ha convinti sia dal punto di vista esecutivo che progettuale, grazie al forte valore aggiunto di avere una software house ed una MadTech in stretta collaborazione.” – conclude Nicolò Barbano, Head of Marketing di xFarm Technologies.