Il 54% dei turisti internazionali non verrà in Italia per paura della situazione internazionale  

Il 54% dei turisti internazionali rinuncerà a una vacanza in Italia per le feste natalizie, pur non considerandola una meta pericolosa, perché preoccupato per la situazione internazionale. È quanto emerge dal monitoraggio periodico realizzato dall’Osservatorio True Italian Experience, guidato da Maurizio Rota, esperto nel settore del turismo e del marketing digitale. “Guerre e crisi economica portano un turista straniero su due a voler rinunciare alle vacanze di Natale” – spiega Maurizio Rota, amministratore delegato di True Italian Experience.

La montagna meta preferita, con qualche timore per il clima e il portafogli

Secondo il rapporto dell’Osservatorio, coordinato da Maurizio Rota, grande protagonista di queste vacanze natalizie sarà la montagna, scelta dal 38% dei visitatori. Non senza, però, qualche preoccupazione legata al cambiamento climatico: il 69% di chi sceglierà le vacanze in vetta, infatti, ha timore di non trovare neve a sufficienza. Alto Adige e Veneto le regioni preferite per chi scia. 

Un occhio anche al portafogli: le vacanze in montagna richiedono per il 79% di chi le sceglie una strategia di contenimento dei costi, come ridurre di alcune giornate il periodo di vacanza (32%) e scegliere impianti di risalita dai prezzi più contenuti (29%). Non solo piste però, gli amanti della montagna ammettono di voler integrare nel loro soggiorno visite ai mercatini (71%) e soggiorni di relax in spa e terme (51%). 

Le città d’arte tengono, ricercate anche le esperienze enogastronomiche

Accorsate a Natale anche le città d’arte, scelte dal 34% dei turisti stranieri, Firenze, Venezia e Roma le mete predilette. Un vero evergreen per chi ama il nostro Paese. E per i viaggiatori culturali non mancherà una tappa enogastronomica: il 74% dei visitatori, infatti, si dedicherà a degustazioni di vino e cibo tipico.

L’identikit dei viaggiatori stranieri

Dai dati dell’Osservatorio True Italian Experience anche l’identikit del viaggiatore che arriverà nel nostro Paese. Tra chi prediligerà l’Italia come tappa per le prossime feste natalizie, il 78% arriverà in coppia, il 35% unirà anche la famiglia e solo il 13% arriverà nel Bel Paese da solo. 

Saranno prevalentemente turisti tedeschi a scegliere l’Italia come meta (18,5%), seguiti dai francesi (11,3%), spagnoli (6,3%) e statunitensi (2,9%). Ma quanto tempo trascorreranno i visitatori stranieri nel nostro Paese? Il 42% ha scelto di passare in Italia almeno un week end durante le festività natalizie. Il periodo più gettonato sarà quello di Capodanno, poi l’Epifania e infine il Natale. 

Effetto onda lunga per queste vacanze natalizie: secondo i dati raccolti, il 51% di chi visiterà il nostro Paese, non si limiterà alle festività, ma lo farà fra gennaio e febbraio 2024.

L’Osservatorio True Italian Experience

“Le analisi sui trend e sulle intenzioni di viaggio dei visitatori stranieri – continua l’AD – sono frutto dell’innovativa struttura tecnologica che abbiamo realizzato: l’Osservatorio True Italian Experience utilizza WOSM© (World Open Source Monitoring), uno dei sistemi più evoluti al mondo di raccolta, selezione, elaborazione, media intelligence, analisi e gestione dei dati di TV, stampa, radio, siti web e social network. Maurizio Rota e il suo team sono in grado di analizzare 25 milioni di fonti web, 88 social network, oltre 120.000 testate giornalistiche in 182 Paesi e 185 lingue diverse. Una miniera di informazioni che consente di elaborare itinerari e proposte per soddisfare le aspettative e valorizzare un turismo attento a far vivere appieno le località, la loro storia e cultura in linea con i desiderata e gli interessi dei potenziali prossimi turisti del nostro Paese”.