Flix presenta la nuova campagna di brand internazionale

FlixBus annuncia la sua nuova campagna integrata intitolata “More life in real life” prodotta da McCann Germany, e che mette al centro i viaggiatori e le loro esperienze.  

Basate su un concetto globale, le prime tre campagne localizzate andranno in onda in Italia, Germania e Portogallo dalla fine di luglio su TV, TV online, social, display e (D)OOH.

In questo allargamento del media mix si riflette la consapevolezza, da parte di FlixBus, di un pubblico sempre più trasversale e composito, al cui interno convergono istanze fortemente digitalizzate, corrispondenti grosso modo alla fascia d’età fra i 18 e 45 anni, e altre meno avvezze all’uso dei nuovi media.

La campagna si fonderà su uno spot che sarà disponibile, complessivamente, in quattro formati. Di questi, due avranno durata di 15”, mentre gli altri due avranno durata di 6”.

“Puntiamo a mettere il cliente sempre più al centro. Ogni viaggio è una storia unica e Flix permette a tutti di vivere queste esperienze autentiche e reali. Mettiamo in contatto i nostri clienti con i loro cari e amici e consentiamo loro di scoprire destinazioni in tutto il mondo”  – afferma Max Zeumer, COO di Flix.

Il concept e il claim “More Life in Real Life” non solo hanno guidato il risultato creativo, ma anche l’approccio alla produzione. La campagna è stata prodotta senza sceneggiatura e ha coinvolto persone reali in veri viaggi Flix.

Per rimanere fedeli al concetto creativo, Flix e McCann hanno scelto un metodo di produzione unico sotto la direzione creativa di Jennifer Signon e Barne Heimbucher di McCann e deciso di catturare durante dodici giorni di produzione nei tre paesi contenuti di vita reale e momenti autentici che accadono realmente quando si viaggia su FlixBus e FlixTrain.

In Italia, la campagna si estenderà da lunedì 24 luglio fino a dicembre, per una durata complessiva di 20 settimane. In tutto saranno coinvolti quattro tipi di canali, con un media mix ampliato rispetto alle campagne precedenti.

InTV, la programmazione della campagna coinvolgerà 26 canali dei gruppi Mediaset, Sky Italia e Discovery Italia. La messa in onda prevede un primo flight di due settimane fra luglio e agosto e un secondo, sempre di due settimane, a novembre. In TV, come anche sugli altri canali, saranno programmati tutti i quattro formati.

Su Connected TV, la novità principale è costituita dal debutto su Netflix, che si affianca a Finecast e Infinity, oltre che a YouTube, fra le piattaforme su cui sarà pianificato lo spot.

Una novità assoluta è rappresentata dall’esordio di FlixBus nella pianificazione OLV,: sui canali del Gruppo Mediamond, su quelli gestiti da Xaxis, e sulla piattaforma Twitch.

A livello di Out-of-Home, la campagna si dividerà in non-programmatic DOOH, con una pianificazione di due settimane a Roma, Milano e Napoli, e programmatic DOOH, con una pianificazione suddivisa in due wave per un totale di sei settimane in tutto, e la programmazione di annunci digitali in dieci città italiane nei giorni di maggiore intensità per i flussi turistici.

La campagna “More Life in Real Life” rispecchia anche a i diversi approcci al viaggio individuati dalle analisi interne di FlixBus e dall’indagine semiotica “Cosa ci spinge a viaggiare” commissionata dall’operatore all’istituto Squadrati. Lo studio  focalizzato sulle categorie dei Millennials e della Generazione Z, ha evidenziato la voglia dei giovani italiani di riconquistare gli spazi sottratti al viaggio dalla pandemia e l’attenzione crescente al tema ambientale, che porta molti giovani a prediligere i mezzi collettivi all’auto privata.

«Negli ultimi anni le persone si sono avvicinate in modo costante a forme di viaggio sempre più virtuose e responsabili, nonché legate a una dimensione più autentica ed esperienziale. Con la nostra rete capillare di mobilità collettiva, possiamo rispondere a questa esigenza rendendo possibili forme di viaggio più sostenibili, sempre più slegate dal mezzo privato e consapevoli delle specificità locali. Da qui, l’impegno a collegare mete penalizzate dalla carenza di collegamenti ferroviari e aeroportuali anche attraverso la creazione di hub di interscambio, con la possibilità di valorizzare itinerari meno noti rispetto a quelli canonici del turismo di massa e di creare un indotto per le economie locali. Non è un caso che il 40% delle fermate FlixBus in Italia si trovi in centri con meno di 20.000 abitanti», ha dichiarato Andrea Incondi, Managing Director di FlixBus Italia.