Unicusano lancia un corso di alta formazione per stare al passo con la crescita del mercato dei videogame

Un giro d’affari da oltre 2,2 miliardi di euro in Italia e un mercato che, anche in epoca post Covid, si mostra florido e ricco di attrattiva per oltre 14 milioni di persone. 

L’industria del gaming continua la sua crescita esponenziale anche in Italia, segno che il suo percorso di sdoganamento si è ormai concluso.

Se infatti nel 2020, complici la pandemia e i lockdown, il settore è decollato registrando incassi record e uno sviluppo del +23%, rispetto al 2021 i dati confermano il trend, segnando un 2,9% in più rispetto al 2021. 

Segnale chiaro per tutti gli operatori: i consumi di videogioco degli italiani, storicamente più bassi rispetto ad altri Paesi, si stanno consolidando e il gaming è una presenza costante nella quotidianità degli italiani.

Spinta dall’entusiasmo per un mercato in grande fibrillazione e dai cambiamenti conseguenti alla trasformazione digitale che rendono attuale la realizzazione di un innovativo percorso formativo nella games industry italiana, l’Unicusano pubblicherà a breve il Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale in “Games Industry Professional: Creative Direction, Development, Management and Communication”. 

Un corso attuale nato dalla necessità dell’industria italiana di rispondere alle aspettative di milioni di videogiocatori e divenire competitiva in un settore dominato da Stati Uniti e Giappone e, in Europa, da UK, Francia e Germania.

Il corso dell’Unicusano è caratterizzato da un percorso formativo costruito per delineare profili professionali adatti ai ruoli ricercati dall’industria videoludica. 

In particolare i docenti dell’Unicusano puntano a rispondere alle esigenze di formazione delle figure professionali necessarie alla ideazione, progettazione, sviluppo e gestione commerciale e comunicativa dei videogiochi. 

Si potranno quindi acquisire gli elementi fondamentali sulla programmazione, il design, la gestione, il controllo, il marketing e la comunicazione dei prodotti dell’industria videoludica unitamente ai principi di diritto e psicologia della comunicazione.