Udicon: DAZN servizio scadente. Assegnazione diritti futuri consideri i disservizi 

“Una ripresa del campionato peggiore di come era terminato per il servizio di streaming offerto da DAZN. Qualcuno avvisi l’azienda che il mondiale è finito e il campionato è ricominciato”, così in una nota il Commissario Straordinario di Udicon, Unione per la Difesa dei Consumatori, Martina Donini.

“Come al solito si ripropongono i medesimi problemi nella trasmissione delle partite del campionato, proprio in concomitanza della presentazione delle nuove offerte e dei nuovi rincari che subiranno i consumatori nei prossimi mesi. I tifosi di calcio, che hanno aspettato due mesi per godersi il piacere del campionato di serie A, sono rimasti nuovamente delusi, come ad agosto”, continua Donini. 

“Forse quello di DAZN sulla serie A è proprio un destino scritto. Ci chiediamo infatti come sia possibile lanciare nuove offerte e nuovi pacchetti a prezzi maggiorati senza aumentare la qualità del servizio per gli abbonati alla piattaforma. Se i problemi non vengono risolti alla radice poi sono inevitabilmente destinati a riemergere. Con DAZN abbiamo assistito ad un triennio di disservizi. Nelle prossime settimane si deciderà a chi assegnare i diritti delle partite per il prossimo triennio. Invitiamo quindi tutti i soggetti decisori a tener conto di quanto accaduto in questi anni e fare in modo che il calcio non sia solo una questione economica, ma tenga più in considerazione la qualità del servizio all’utente e il rispetto della passione dei tifosi”, conclude Donini.