Emendamenti “salva-Calcio”: più di due italiani su tre contrari agli aiuti ai club di Serie A

Più di due italiani su tre (il 67%) sono contrari alla rateizzazione delle imposte tributarie per le squadre di Serie A e alla proroga di due anni della durata dei diritti TV, entrambe misure contenute negli emendamenti al Decreto Aiuti Quater attualmente in discussione in Parlamento. Uno su quattro (il 25%) pensa siano misure giuste ma non prioritarie mentre solo l’8% è assolutamente favorevole. È quanto emerge da un sondaggio condotto da Winpoll sugli italiani e il calcio.

La proposta, presentata da Fratelli d’Italia, Forza Italia, Pd, Movimento 5 Stelle e Gruppo Misto, prevede 60 rate mensili (di cui le prime tre vanno pagate entro il 22 dicembre) senza interessi fiscali né sanzioni penali e sportive per i club di Serie A e la possibilità di prolungare da tre a cinque anni la durata dei contratti di licenza per i diritti tv dei campionati professionistici sportivi, inclusa la Serie A.

Tra chi pensa che tali misure non siano meritate, il 40% ritiene che il calcio a prescindere non debba ricevere aiuti dallo Stato, il 33% che gli aiuti debbano essere dati a chi ne ha bisogno mentre il 21% crede che i club di Serie A facciano già abbastanza soldi. Per il rimanente 6% le società della massima serie non sono trasparenti.

Tra chi è assolutamente favorevole agli emendamenti, il 50% crede che il calcio svolga un ruolo importante per la nostra società mentre il 42% che le squadre di calcio di Serie A abbiano costi enormi ed è giusto sostenerle e l’8% che in generale i club di calcio non dovrebbero essere soggetti ad imposizione fiscale.

Coloro che pensano siano emendamenti giusti, ma non prioritari, si dividono tra chi ritiene vi siano altre priorità in questo paese (l’81%) e chi crede sarebbe giusto estendere questi privilegi anche ai club non di Serie A (19%).

Secondo il sondaggio Winpoll rispetto agli aiuti da dare al calcio in generale, si dice “per nulla favorevole” il 65% degli intervistati, “poco favorevole” il 21%, “abbastanza favorevole” il 12% e “molto favorevole” il 2%. Il 5% non sa. 

Nello specifico non è favorevole agli aiuti al mondo del calcio: l’82% degli elettori di Fratelli d’Italia, l’84% della Lega, l’89% di Forza Italia, il 90% di Italia Viva, il 91% del Pd e il 92% del Movimento 5 Stelle.

Il sondaggio è stato effettuato sulla popolazione italiana maggiorenne, segmentata per sesso ed età, e il campione ha incluso 1000 persone, intervistate in modalità Cati-Cami. Il metodo di campionamento è stato ponderato per genere, fasce d’età e titolo di studio e le interviste sono state realizzate tra l’8 e il 10 dicembre.