Antennae: un nuovo podcast su RaiPlay Sound

In Antennae parlano migliaia di alberi.E scrivono con i loro suoni la scienza, la poesia e la memoria. E poi intrecciano epoche lontane al presente, con voci dimenticate, se non addirittura mai ascoltate, ma che hanno incuriosito la storia.  Racconti veri e verosimili, narrati proprio dai suoni custoditi in un luogo immaginario, l’Archivio Dendrosonico di Genova. Un archivio che conserva le registrazioni che migliaia di alberi hanno raccolto per decenni in tutta Italia, diventando testimoni di storie personali e collettive. 

Ogni puntata è realizzata da un autore diverso, con stili e interessi diversi. Antennae, dal 7 dicembre su RaiPlay Sound, è un podcast collettivo, che scorre attraverso la natura in cui i suoni, conservati nell’Archivio Dendrosonico, sono solo il filo conduttore di un racconto che, dai rami e dalle radici, ci porta a scoprire storie di legami, di rivoluzioni e lotte, di luoghi interdetti di cui nessuno parla, di città in trasformazione e persino di unconventional computing.

Sara Poma racconta che a Milano, a due passi dalla vecchia sede del Politecnico e dove prima sorgeva un parco, fra gli alberi sradicati, c’è un cedro che è riuscito a captare suoni di un’epoca lontana, in cui la città era attraversata da agitazioni, violenze e contestazioni. Ma tra questi suoni c’è anche una cassetta TDK che rivela l’incontro intimo tra una madre e una figlia che deve ancora nascere. 

Francesca Berardi parte invece dai suoni raccolti dal “platano 388” per ricordare la vita dentro e fuori dal Centro Permanenza e Rimpatri di Torino (ex CIE), un luogo più interdetto di un carcere, nel quale non serve aver commesso un reato per entrare. Voci dimenticate dentro le mura incontrano quelle di chi da fuori si chiede quale sia il senso di quel luogo. 

Agnese Cornelio e Massimo Carozzi si mettono in ascolto dei suoni captati da rami e radici di un ginkgo bilobadi Largo Respighi a Bologna. Gli echi degli scontri del 1977 si mescolano alle arie d’opera che provengono dal Teatro Comunale dove gli artisti si esercitano nei camerini con le finestre aperte sulla piazza. I suoni abrasivi dei gruppi New Wave degli anni ’80  incontrano il vociare degli studenti che attraversano lo slargo ogni giorno.  

In Calabria, Marco Stefanelli trova le sue radici in un ulivetoche ha quasi due secoli. Attraverso una missione di ricerca per l’Archivio Dendrosonico di Genova, condotta grazie ad un misterioso strumento, si scopre che intrecciate alle radici, ci sono storie di fame, guerra e spopolamento, storie d’Italia e storie di donne.

Infine Alessandro Bernard accompagna un singolare, quanto coraggioso scienziato, che sta lavorando ad un super organismo intelligente. Un esperimento in cui il limite tra cultura e natura, scienza e fantascienza, può sembrare solo un’illusione. Ma se la foresta, in questo primo incontro ravvicinato del terzo tipo, dimostrasse di lavorare come un computer, nulla sarebbe più come prima.  

Credits

Antennae è un podcast Original in 5 episodi da 30 minuti a cura di Francesca Berardi per Rai Play Sound. Le puntate sono state scritte e realizzate da Francesca Berardi, Alessandro Bernard, Massimo Carozzi, Agnese Cornelio, Marco Stefanelli, Sara Poma