“Assenzio” i grandi protagonisti del calcio moderno si raccontano a DAZN

Assenzio, un nuovo format di DAZN, è un mix di ingredienti speciali: un elegante cocktail bar underground dall’atmosfera intima e raccolta; la voce del telecronista e commentatore DAZN Stefano Borghi a raccontare le vite “fuori dagli schemi” di sei campioni del calcio moderno, con le loro glorie passate e i fantasmi del presente; i temi musicali ricercati composti dalla band d’eccezione formata da Alex Uhlmann (Planet Funk), Sergio Carnevale (Bluvertigo) e il producer Luca La Morgia. 

Sei puntate con sei protagonisti, sei storie raccontate nella suggestiva cornice di GERMI – Luogo di Contaminazione, progetto cultural musicale di Manuel Agnelli e Rodrigo D’Erasmo degli Afterhours, che vedono sport, musica e mixology incontrarsi per dare vita a un inedito storytelling e un’atmosfera carica di suggestione. 

La prima puntata è disponibile dal 18 novembre in esclusiva sull’app, scava nella leggenda del massimo marcatore interista in Champions League, immortalato nella Walk of Fame del Maracanã: l’Imperatore Adriano Leite Ribeiro. 

Davanti a un cocktail preparato appositamente per omaggiare il protagonista della puntata, Stefano Borghi, riferimento per gli appassionati di calcio, e Alex Uhlmann, frontman dei Planet Funk, alternano i ricordi sugli esordi del giovanissimo numero 14 e le telecronache del tempo, il Mondiale under 17, il debutto con la maglia dell’Inter e il rigore all’84esimo minuto che lasciò il Santiago Bernabeu a bocca aperta; ma anche le sue fragilità, i gossip, la scomparsa del padre e la depressione, che ha messo un freno alla sua carriera agonistica. 

Il format ripercorre così la storia di un fenomeno del calcio, e propone per ogni puntata un tema musicale creato ad hoc, ispirato alle caratteristiche del protagonista della conversazione, la cui spiegazione della genesi creativa è affidata ad Alex Uhlmann. 

Stefano Borghi, voce di punta di DAZN e autore di Assenzio, commenta: «Assenzio è stato fin da subito per me l’idea di poter liberare delle suggestioni. E di intrecciare due mondi come il calcio e la musica, apparentemente poco vicini ma in realtà per me totalmente intrecciati, perché rappresentano da sempre le mie due passioni più grandi. Ripercorrere carriere, vite, imprese e fallimenti di sei figure piene di contrasti, senza dare giudizi o fare bilanci, solo con il puro gusto di esplorarne la complessità. Alla fine, è stato come ritrovarsi con un gruppo di amici per bere un buon bicchiere e raccontare le cose che ci piacciono. Senza per forza arrivare alla verità, ma cercando il punto di vista più intenso e suggestivo per vedere le cose». 

Alex Uhlmann, frontman dei Planet Funk aggiunge: «Assenzio per me ha rappresentato una bellissima sfida. Da appassionato di calcio, avrò sentito le telecronache di Stefano centinaia di volte, e ritrovarmelo finalmente davanti, poter parlare con lui di calciatori particolarmente affascinanti, sentire i suoi aneddoti e il suo punto di vista è stato già bellissimo da ‘’spettatore’’. E poterci mettere del mio, scrivendo della musica per cercare di raccontare ognuno di questi calciatori, andando indietro nel tempo e scavando nella memoria è stato come partire per un bellissimo viaggio. Un viaggio fatto di musica e calcio, cosa potrebbe esserci di più bello?» 

Dopo la puntata pilota dedicata ad Adriano gli episodi continueranno con altre storie: dall’imprevedibilità de “Il figlio del vento” Claudio Paul Caniggia al “Pistolero” Luis Suarez, dalla storia da montagne russe di Lothar Matthäus al goleador dall’istinto selvaggio Faustino Asprilla, fino all’ultima puntata dedicata a Gianluigi Lentini la cui vita è scandita da un prima e un dopo.