“La notte prima degli esami” martedì 21 giugno, dalle 21 alle 24. Su Radio 24

Ansia, ripassone, trepidazione. Tracce, toto-esami, caffè e panico. E – ancora – emozioni, festa, saluto, compagni di banco e traguardo… Torna l’esame di Stato, tornano gli scritti e torna su Radio 24 La notte prima degli esami”, la sera del 21 giugno alle 21 su Radio 24, per accompagnare gli oltre 500 mila maturandi alla prima prova del temuto e atteso esame di Stato che anche quest’anno sarà diverso da quelli precedenti: tre le prove, due scritte e una orale. Quali saranno i criteri di valutazione? Cosa si aspettano i ragazzi? Quali le dritte per affrontare il colloquio? 

Un grande in bocca al lupo dal Ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi ai maturandi, la voce degli studenti, i consigli degli esperti, le testimonianze e i ricordi di attori, cantanti, scrittori, personaggi della cultura e dello spettacolo tra i quali Giorgio Parisi, fisico e premio Nobel; Michela Giraud, comica; Pupi Avati, regista; Jonathan Bazzi, scrittore; Lodo Guenzi, attore e cantante; Erri De Luca, scrittore; Francesca Michielin, cantante; Max Angioni, comico; Arbasophia, filosofo e youtuber; Guido Catalano, scrittore e poeta; Ditonellapiaga, cantante; Miss Keta, cantante; Daniele Grassucci, skuola.net, per vivere e rivivere, insieme, una notte a suo modo indimenticabile: tre ore in diretta su Radio 24 con Federico Taddia, giornalista e conduttore di I Padrieterni eMariangela De Luca, professoressa, scrittrice e webstar grazie alle sue lezioni sull’uso dell’italiano e la riscoperta delle parole dimenticate.

Una notte di parole, per non rimanere senza parole.

Per i giovani maturandi, per i genitori, per i professori, per chi vuole raccontare la propria maturità e partecipare in diretta: numero verde 800.24.00.24 – WhatsApp 3492386666 e su www.radio24.it

“In questi anni ragazze e ragazzi hanno dovuto superare già tanti esami inattesi, e la loro maturità è stata messa alla prova anche lontano dai banchi. Ma il ritorno alla normalità passa da questi riti, da questi appuntamenti che segnano un percorso. Dell’esame di quest’anno vorrei raccontare proprio lo spirito aggregante, sperando che la maturità non sia solo un esercizio di valutazioni, ma diventi una possibilità offerta a questa generazione per farsi sentire, per raccontarsi, per soffermarsi su questo tempo.” lo dice il conduttore della serata, Federico Taddia.