“Cosa resta”: il podcast di Will che racconta Falcone e Borsellino ai giovani

Nel trentennale della strage di Capaci Will Media lancia “Cosa Resta”, il podcast sulla vita di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino scritto da Francesco Oggiano e Carlo Notarpietro.

“Cosa Resta” è pensato per raccontare ai giovani, a chi 30 anni fa era solo un bambino o non era ancora nato, la vita (e non solo la morte) di due magistrati che hanno cambiato per sempre la storia della lotta alla mafia, trasformandone il concetto stesso. Non più una battaglia solitaria di pochi coraggiosi, ma una vera e propria lotta collettiva. Attraverso un’accurata ricostruzione storica e  le voci di chi gli è stato accanto,  come il collaboratore Giovanni Paparcuri o il barbiere di Borsellino, il podcast racconta la vita “umanissima” di due uomini visionari che hanno  rivoluzionato totalmente il metodo investigativo intorno a Cosa Nostra. Falcone e Borsellino erano due persone vive, capaci anche di ridere e scherzare, addirittura divertirsi (per quanto possibile), che hanno rivoluzionato le modalità di un lavoro antico, quello del magistrato. Eppure di loro si racconta quasi sempre la morte. Ma cosa resta della vita?

“Cosa resta” è un podcast in 7 puntate prodotto da Will Media scritto da Francesco Oggiano e Carlo Notarpietro. Oggi “Cosa resta” è secondo in classifica su Spotify. 

Francesco Oggiano, digital journalist, è uno dei volti e socio di Will. Ha scritto e scrive di trend digitali e di come internet sta cambiando la società su diverse testate italiane. Cura Digital Journalism, newsletter con una community di migliaia di creativi digitali.  

Carlo Notarpietro è autore di Will, si è occupato per anni di strategie di comunicazione politica, lavorando sul campo per le campagne elettorali di partiti e istituzioni. Oggi si occupa di raccontare la politica e renderla accessibile, attraverso il monitoraggio quotidiano di quanto accade in Parlamento.