L’Unesco promuove il World Radio Day 2022

di Claudio Astorri www.astorri.itCrisi di identità Radiofonica? Sensazione di appartenere a un media minore? Leggetevi qui la descrizione che l’UNESCO offre della Radio. Vi passa tutto! W il WORLD RADIO DAY.

L’Unesco è una rilevantissima organizzazione internazionale che ha una finalità molto chiara.

UNESCO is the United Nations Educational, Scientific and Cultural Organization.
It seeks to build peace through international cooperation in education, sciences and culture.

– Traduzione –

L’UNESCO è l’organizzazione delle Nazioni Unite per la Formazione, la Scienza e la Cultura.
Si adopera per costruire la pace attraverso la cooperazione internazionale
nella Formazione, nella Scienza e nella Cultura
.

L’Unesco e il World Radio Day

Per proposta dei membri dell’Unesco nel 2011 e con l’approvazione nel 2012 da parte della Assemblea delle Nazioni Unite è stato deliberato che il WORLD RADIO DAY sia svolto in una giornata fissa ogni anno, quella del 13 febbraio. Il significato di questa decisione è racchiuso nella descrizione della Radio che è attribuita dall’UNESCO.

Radio is a powerful medium for celebrating humanity in all its diversity
and constitutes a platform for democratic discourse.
At the global level, radio remains the most widely consumed medium.
This unique ability to reach out the widest audience means
Radio can shape a society’s experience of diversity,
stand as an arena for all voices to speak out,
be represented and heard.
Radio stations should serve diverse communities,
offering a wide variety of programs,
viewpoints and content, and reflect the diversity of audiences
in their organizations and operations.

– Traduzione –

La Radio è un mezzo potente per celebrare l’umanità in tutta la sua diversità
e costituisce una piattaforma per il confronto democratico.
A livello globale, la Radio resta il mezzo più utilizzato.
La capacità unica di raggiungere il pubblico più ampio
significa che la Radio può dare forma all’esperienza della diversità in una società,
erigersi come un’arena in cui tutte le voci possono parlare,
essere rappresentate e ascoltate.
Le stazioni radiofoniche dovrebbero servire comunità diverse,
offrendo un’ampia varietà di programmi,
punti di vista e contenuti
e riflettere la diversità del pubblico nelle sue organizzazioni e attività
.

Le parole dell’UNESCO sulla Radio sono gigantesche. E sottolineano la responsabilità sociale e culturale che il nostro mezzo ha e deve assumersi presso l’audience degli ascoltatori, che è molto prossima alla popolazione complessiva. Ricordiamocene più spesso di una volta l’anno per il WORLD RADIO DAY. Rendiamo note quelle parole ai nostri interlocutori anche di tipo commerciale che troppo spesso non solo non comprendono la forza straordinaria del mezzo ma nemmeno, e forse conseguentemente, il suo valore di comunicazione unico tra i media.

I temi dell’edizione 2022

L’UNESCO propone 3 temi per rafforzare la fiducia nella Radio per l’edizione 2022 del 13 febbraio. Le emittenti possono svolgerli nei loro palinsesti:

  • Il giornalismo Radiofonico – Produrre contenuto indipendente e di alta qualità.
  • L’accessibilità – Prendersi cura dell’audience.
  • La sussistenza delle stazioni Radio – Assicurare la competitività.

Le emittenti che svolgessero on-air uno o più dei temi suggeriti dall’UNESCO anche con brevi approfondimenti o interventi possono segnalarli direttamente nella pagina del World Radio Day. Ciò è per aggiungere la propria emittente al coro globale delle iniziative e rafforzare la dimensione e la forza dell’iniziativa.