Mara Maionchi a “L’autostoppista” di Igor
Righetti: “Tiziano Ferro? Ora mi piace meno, è diventato troppo tradizionale”

A bordo anche Giovanni Allevi, Hoara Borselli e Giulio Basoccu. Dal 31 gennaio l’originale programma pet friendlyche fa il pieno di ascolti, in cui il co-conducente e co-conduttore è il bassotto Byron, andrà in onda pure il lunedì

Igor Righetti

“L’autostoppista”, il primo programma radiofonico pet friendly dove il co-conducente e co-conduttore è il bassotto Byron, seguitissimo format che fa il pieno di ascolti nato dalla creatività del giornalista e conduttore radiotelevisivo Igor Righetti, andrà in onda anche il lunedì sempre dalle 17 alle 18 su Rai Isoradio. Da marzo 2021 a oggi, “L’autostoppista” ha dato un passaggio a 215 personaggi celebri rimasti in panne, da Renzo Arbore a Vittorio Sgarbi, da Piero Angela a Renato Pozzetto fino a Pupi Avati, Barbara Palombelli, Iva Zanicchi, Katia Ricciarelli, Beppe Severgnini e Massimo Giletti. Da lunedì 31 gennaio a giovedì 3 febbraio saliranno a bordo dell’auto parlante e interattiva, tra gli altri, la produttrice discografica e talent scout Mara Maionchi, il compositore e pianista Giovanni Allevi, la conduttrice televisiva Hoara Borselli e il chirurgo plastico Giulio Basoccu.

Durante il suo “passaggio”, Mara Maionchi, talent scout di centinaia di artisti tra i quali Gianna Nannini, Mango e Tiziano Ferro, in merito a quest’ultimo cantante ha affermato: “La musica di Tiziano Ferro di oggi mi piace meno, è diventato troppo tradizionale. Quando è partito non lo era affatto”. Maionchi ha poi parlato del tradimento da parte del marito Alberto Salerno, paroliere e anche lui produttore discografico. Alla domanda di Igor Righetti se lo avesse perdonato ha rivelato: “Ma certo, poveretto, aveva preso un’ora d’aria”.

Ma alla sua scomparsa, Mara Maionchi che cosa vorrebbe che ci fosse scritto sulla sua lapide? La risposta della produttrice discografica non si fa attendere: “Era una testa di…”. Un altro “autostoppista” rimasto in panne e al quale Igor Righetti ha dato un “passaggio” sulla sua auto parlante e interattiva è stato il compositore e pianista Giovanni Allevi. Alla domanda del conduttore-conducente a chi lancerebbe il salvagente tra il violinista Uto Ughi e il direttore d’orchestra Riccardo Muti mentre sono su una barca che sta per affondare, Allevi non ha esitazioni: “Lo lancio a Uto Ughi, il mio grande accusatore, così lui, preso da un moto di riconoscenza per avergli salvato la vita, eseguirà, sotto la mia direzione, il mio concerto per violino e orchestra e insieme faremo il concerto del secolo”.

Per questo suo format crossmediale innovativo che ha subito riscosso grande successo, realizzato per Rai Isoradio e voluto dalla direttrice Angela Mariella per continuare a incrementare i giovani ascoltatori della rete e riportare su Radio Rai migliaia di fedelissimi de “Il ComuniCattivo” (il celebre programma quotidiano, pluripremiato a livello internazionale, andato in onda per 12 anni consecutivi su Rai Radio1 con versioni televisive su Rai2 e al Tg1 Libri su Rai1, nato sempre dalla mente di Igor Righetti e che raggiunse il milione di ascoltatori a puntata), il vulcanico giornalista-conduttore si è ispirato all’esilarante commedia “Il tassinaro” diretta e interpretata nel 1983 da suo cugino Alberto Sordi. “L’autostoppista” è il primo programma radiofonico pet friendly con a bordo Byron, il bassotto del conduttore, che interagisce con gli “autostoppisti” su temi legati alla tutela e ai diritti degli animali. Durante il viaggio, agli “autostoppisti” vengono anche fatte ascoltare brevissime frasi estrapolate da canzoni e film famosi, selezionate dal conduttore-conducente Igor Righetti, che possono dedicare a chi vogliono. Ironia graffiante, radio dediche musicali e cinematografiche, esperti del mondo pet, influencer, inventori, imprenditori e personaggi celebri del mondo dello spettacolo, del giornalismo e della politica per raccontare i cambiamenti dell’Italia e dei suoi abitanti tra ricordi, aneddoti, curiosità, emozioni e ilarità. “L’autostoppista” può essere ascoltato sulle frequenze di Rai Isoradio (103.3 e 103.5), su RaiPlay Sound (www.raiplaysound.it/isoradio), tramite la app di Radio Rai e in podcast sul sito di Rai Isoradio.

Ecco gli autostoppisti di questa settimana.

Lunedì 31 gennaio: la conduttrice televisiva Haora Borselli e il chirurgo plastico Giulio Basoccu

Martedì 1 febbraio: il compositore e pianista Giovanni Allevi, il vice presidente del Wwf Italia Dante Caserta e il direttore de L’Eco della stampa, Umberto Frugiuele

Mercoledì 2 febbraio: la produttrice discografica e talent scout Mara Maionchi, il presidente dell’Ente nazionale protezione animali (Enpa) Carla Rocchi e l’influencer Lorenzo Castelluccio

Giovedì 3 febbraio: il presidente della Lega nazionale per la difesa del cane (Lndc Animal protection) Piera Rosati, il direttore responsabile di Napoli Magazine Antonio Petrazzuolo e l’andrologo Andrea Militello.