“Tutte le volte che”, il podcast dedicato al festival di Sanremo

Puntuale come ogni anno torna Sanremo, il festival ed evento televisivo per eccellenza della musica italiana. Su Spotify, a commentare la settantaduesima edizione del festival musicale più seguito in Italia, saranno Alice Venturi e Camihawke, le conduttrici del podcast originale Spotify Tutte le volte che. Prodotto da Spotify Studios e Show Reel Agency e lanciato lo scorso ottobre, nel podcast ogni lunedì le due amiche raccontano tutte le volte che hanno imparato qualcosa di nuovo, partendo dalle proprie esperienze personali.

Coincidenza vuole che la loro amicizia sia nata proprio dietro le quinte del palco dell’Ariston e quindi Alice e Camilla non potevano non dedicare uno spazio speciale a Sanremo.  

Tutte le volte che – Sanremo Edition prevede 6 episodi speciali dove Alice e Camilla si divertiranno a raccontare i momenti salienti di questa edizione e non solo, secondo il loro particolare punto di vista, con il tono ironico e informale che le contraddistingue.  

In attesa della serata di apertura, a fare da cornice agli altri cinque, il primo episodio sarà disponibile lunedì 31 gennaio, mentre da mercoledì 2 a domenica 6 febbraio, la mattina successiva ad ogni serata, racconteranno Sanremo tra classifiche personali, best of e il contributo dei loro ospiti. Tutte le volte che – Sanremo Edition si preannuncia come il podcast da ascoltare nella settimana italiana più musicale dell’anno per rimanere aggiornati su tutto ciò che accade sul palco dell’Ariston, all’insegna del divertimento. Perché la storia di Sanremo è lunga e, come insegna il podcast, c’è sempre qualcosa di nuovo da imparare.

“Grazie a Spotify e al nostro podcast torniamo a Sanremo per parlare del Festival. Non potremmo essere più felici e impazienti, perché per noi rappresenta un cerchio che si chiude” commentano Alice e Camilla “La nostra amicizia è nata così e quest’esperienza ci arricchirà un bel po’! Sanremo per noi non vuol dire solo musica e speriamo di poter continuare a tenere compagnia con qualche risata anche nelle difficili mattinate post Festival”.