Klaus Davi fa esplodere il caso editoriale dell’anno : un libro di un autore sconosciuto sulla ndrangheta tra i più venduti su Amazon

Zitto zitto un libro sulla Calabria criminale finisce in testa alle classifiche dei libri in versione digitale piu venduti su Amazon. Se non siamo davanti a un caso editoriale, poco ci manca. E  le notizie in verità sono due : chi ha scritto il libro . Salvatore Amato Campolo,  è indagato per estorsione nell’ambito del  maxi processo Metameria  (indagini dei carabinieri)  portato avanti dalla  Procura di Reggio Calabria e  ora riassorbiro nel maxi processo ‘Epicentro’. Chi ha colto subito al volo le potenzialità del libro è Klaus Davi che da un anno sta conducendo una serie di inchieste proprio sulla mafia di Pellaro-Bocale-Lazzaro. E’ bastata una sua recensione per far schizzare le vendite del volume.

Lo abbiamo sentito.

Klaus Davi

Klaus molti dicono che ci sei dietro tu dietro all’exploit editoriale di ‘Terra Nostra Famiglie criminali dello Stretto‘?

No. Dell’uscito del libro sono stato avvertito da alcuni lettori. Non sapevo neanche che fosse uscito inizio novembre. E non mi ha avvisato assolutamente l’autore.

Ora è quindicisemo  in classifica tra i libri piu venduti su Amazon. Per un testo del genere un vero ‘caso’?

Campolo, l’autore, è indagato nel processo Metameria per estorsione. Non parliamo di bazzeccole. E’ parte in causa. Ma questo conferisce ulteriore forza a tutta l’operazione. Appena l ho letto mi sono detto : allora non sono il solo che sostiene la tesi che Peppi’ Barreca (boss di Pellaro appartenente a una famiglia di Ndrangheta  nota a livello internazionale ritratta perfino  nel film Anime Nere ) non fosse il solo dominus di Pellaro Bocale Lazzaro

L’autore nega ogni riferimento reale…

Sul piano del mero diritto calligrafico e’ cosi. Località e nomi sono di fantasia. Ma sul piano narrativo la mia tesi e’ quella di Campolo coincidono. A comandare a Pellaro dopo tre decenni di assenza dei Barreca c’erano altri. I Ficara in primis e poi delle dirette o indirette declinazioni parentali dei Barreca che non è escluso avessero dei contatti con la famiglia ‘head quarter’ . E’ in quella direzione che si deve indagare e non fermarsi a Peppi.

Tu hai iniziato a febbraio , poi è arrivato il libro a novembre…

Finalmente ! Ho smosso le acque.

Non è che Peppi Barreca fosse un santo no?

Tutto quello che riporta l’indagine ‘Metameria’ su Peppi a mio avviso è vero, al netto delle verifiche processuali. Non discuto questo. Ma il punto è la collocazione ‘politico criminale’ di Peppi. Se lo poniamo come figura apicale in senso verticistico. si tratta  di una palese  forzatura. Se invece Peppi si rivela essere il vecchio sovrano che vuole riconquistare le proprie colonie occupate dopo il suo ‘esilio’ da altri  e farlo con metodi mafiosi e violenti , allora a mio avviso è piu corretto.

Cosa manca in Metameria?

I convitati di pietra sono le ‘filiazioni’ dei Barreca che hanno gestito il business, soprattutto certi business in totale silenzio e da molti e molti anni….. Poi i potentissimi Ficara che piazzano i loro uomini in tutte le aziende del posto . In ‘Metameria’ se ne parla poco.  C’è solo un accenno all’inizio su di loro. Si predilige la strada della ‘Reconquista’  ‘barrechiana’ anche perché è quella piu’ ‘vistosa’ , Barreca e’ un uomo triviale, rozzo, criminalmente un ‘coglione’  l ho definito. E comunque è tutto vero quello che c’è nell’indagine : lui rivoleva il potere. Non scherzava punto.

Prevede sviluppi?

Si li prevedo, ma la giustizia ha i suoi tempi. Ma poi arriva :  lo vediamo anche in questi giorni con le importantissime condanne degli imprenditori reggini. Non una cosa da poco. O la parabola quasi biblica di Roccuzzo Mole. Un caso incredibile che sto studiando di grande spessore anche narrativo portato avanti dalla Polizia di Stato.

La lotta alla Ndrangheta  fa passi avanti?

Sul piano del contrasto alle mafie è assolutamente all’avanguardia la Calabria . Reggio e Catanzaro fanno scuola non solo in Italia ma anche nel mondo.  C’e ammirazione per le nostre forze di Polizia e magistrati nel mondo.

Perché il romanzo è importante?

In una terra avviluppata nel silenzio, dove in pochi denunciano, l’uscita cosi fragorosa di un testo di un soggetto parte causa merita tutta l’attenzione giornalistica possibile.

Lui viene accusato dai fratelli Ambrogio?

Si. E lo Stato deve verificare se ci sono stati questo reati, come sta facendo . Ma il ‘metodo Falcone’ non finisce certo qui, Perché una persona cosi  caratterizzata come quella di Nino Ambrogio  sceglie di denunciare ‘violando’ una regola? Cosa ci può raccontare degli equilibri mafiosi della zona in questi anni? Degli attentati insoluti? Della auto bruciate? A che titolo parlano gli Ambrogio? Sono pentiti? Sono normali cittadini? Sono testimoni di giustizia? Ora Nino Ambrogio è morto. Non so se si potrà mai dare una risposta  a questi quesiti. Ma la scelta degli Ambrogio di denunciare  è dirompente e scardinante non si può fare finte di niente.

Lei l’ha giuficata ambigua..

Non nel merito, sono cose techniche per le quali ci vuole una competenza che io non ho . Ma nello stile. Vorrei vederci chiaro su questa vicenda, anche se non è certo semplice . Darla per scontata è una grave sottovalutazione giornalistica.

Progetti per il 2022?

Un nuovo libro, portare a casa un format tv, continua la bellissima esperienza di opinionista a Mediaset. Poi il mio lavoro per sostenere le imprese del ‘Made in Italy’ con la mia agenzia di comunicazione. Sono single, non ho un compagno quindi tutte le mie energie 18 ore al giorno saranno indirizzate a lavoro.