Cosa sono i freebie e perché sono uno strumenti di marketing fondamentale online

Per negozianti e professionisti offrire i propri servizi e prodotti in maniera totalmente gratuita sembra a prima vista un controsenso. Dobbiamo pur guadagnare qualcosa! In realtà offrire un assaggio gratuito può invece essere una strategia perfetta per attirare nuovi clienti e far conoscere sempre di più i nostri prodotti. A darcene la conferma arrivano anche aziende e professionisti già affermati che utilizzano proprio l’offerta di prodotti gratuiti come parte delle loro tecniche di marketing quotidiane.

Prendere esempio da aziende e professionisti

Ormai spesso non ci facciamo nemmeno più caso: quasi sempre, quando navighiamo online, ci ritroviamo davanti a offerte, bonus e promozioni che ci permettono di risparmiare sui nostri acquisti. In molti di questi casi, però, è pur sempre necessario aprire il portafoglio e sborsare un po’ di denaro, anche se a prezzo ridotto. Sempre più spesso, però, un occhio attento avrà notato la diffusione dei cosiddetti freebie, cioè contenuti gratuiti offerti ai potenziali clienti che così possono provare prodotti e servizi senza impegno. In alcuni casi i freebie vengono “uniti” ai prodotti a pagamento e pubblicizzati come regali che si riceveranno insieme al prodotto acquistato. Questo tipo di strategia è senza dubbio efficace e diffusa, ma in altri casi i freebie vengono regalati senza chiedere in cambio alcun denaro.

Facendo un veloce giro sui social è facile trovare influencer che vendono magari corsi, consulenze o lezioni online offrire questo tipo di contenuti sotto forma di file pdf o video che possono dare ai potenziali clienti un’idea di come sarà il servizio offerto. In modo simile è molto diffuso trovare migliaia di slot machine gratis sui principali casinò online, che in questo modo permettono ai giocatori di imparare le regole delle slot e scoprire quali giochi sono offerti dalla piattaforma senza spendere un centesimo. In modo simile non è raro trovare piattaforme, che richiederebbero agli utenti di abbonarsi al servizio offerto, regalare mesi di prova o contenuti gratuiti accessibili a tutti. A prima vista queste strategie possono però essere controproducenti: perché regalare ai clienti un nostro prodotto che ci è costato fatica, tempo e denaro? In realtà questo tipo di marketing ha i suoi vantaggi, se si seguono alcune regole.

Fonte: Pexels

Come offrire un freebie

Ovviamente offrire un freebie non significa svelare tutti i nostri segreti del mestiere e regalare indistintamente tutti i nostri servizi e prodotti. Un freebie deve lasciare al potenziale cliente la voglia di scoprire qualcosa di più, deve stuzzicarlo in modo tale da renderlo ancora più interessato ai prodotti offerti. Un freebie si deve porre quindi come un antipasto che sì, soddisfa la curiosità di chi lo riceve, ma non lo sazia del tutto. Analizzando i freebie offerti da aziende e professionisti di successo possiamo quindi notare delle caratteristiche condivise da tutti. Prima di tutto, i freebie sono relativamente piccoli. Si tratta quindi di documenti, file o servizi relativamente brevi pensati come introduzione al prodotto che viene veramente offerto. Spesso, inoltre, insieme ai freebie vengono proposte offerte esclusive, rivolte solo agli utenti che li hanno scaricati, che invogliano così questi ultimi, se interessati, ad acquistare il prodotto completo a prezzo ridotto. Non bisogna preoccuparsi però se non tutti gli interessati, dopo aver provato il freebie, diventano dei veri clienti.

La strategia del freebie è anche quella di dare al cliente un’idea di cosa potrà ricevere e permettergli di capire per tempo se il prodotto fa per lui.
Offrendo però il freebie sarà possibile attirare più potenziali clienti perché anche i più indecisi potrebbero scoprire che in realtà ciò che offriamo li interessa veramente proprio grazie a questi contenuti gratuiti. Se come già detto i freebie sono sempre gratis, nel senso che non costano denaro per i clienti, in alcuni casi vengono concessi comunque tramite uno scambio. Spesso, infatti, professionisti e aziende offrono freebie in cambio di iscrizioni a newsletter o a registrazioni tramite e-mail. In questo modo, quindi, gli utenti che hanno condiviso i propri dati potranno comunque essere tenuti aggiornati sulle ultime novità e le promozioni del momento anche se decidono di non acquistare il prodotto o il servizio presentato nel freebie. Questo tipo di scambio diventa quindi una buona occasione per mantenere vivo e sempre più ampio il circolo dei propri potenziali clienti senza però far loro spendere un centesimo finché non si sentono pronti a farlo.

Fonte:Pexels

Anche se a prima vista non convenienti, i freebie sono uno strumento estremamente utile per tutti quei professionisti e le aziende che vogliono trovare nuovi clienti e ampliare il loro raggio di azione facendosi strada fra la concorrenza.