Covid-19: gli italiani hanno ancora paura

di Andrea Altinier

Gli italiani stanno cercando di tornare alla normalità dopo mesi di restrizioni, ma sono prudenti ed hanno ancora paura. È quello che ci dice il Radar SWG di questa settimana. Se l’osservatorio di SWG ha sottolineato la volontà degli italiani di riprendere in mano le vecchie abitudini dai ristoranti ai negozi in questa settimana scopriamo, però, che non è diminuita la paura.

Dopo oltre un anno di problematiche legate al Covid-19, anche se si intravede la via d’uscita, sono molte le persone che sentono di subirne ancora le conseguenze. Il 44% sta peggio fisicamente e la metà ne risente psicologicamente. Appare chiaro che l’impatto è stato pesante e sul piano psicologico ne hanno sofferto più di altri i 35-44enni, età in cui spesso bisogna gestire sia i figli che i genitori anziani.

Alla luce di queste considerazioni appare normale che la gente sia ancora molto cauta nell’affrontare questa fase di aperture. Un po’ per timore, un po’ per aver perso l’abitudine, oltre la metà dei cittadini non prevede un’estate del tutto spensierata. Infatti, il 44% non ritiene sia stato opportuno abolire l’obbligatorietà della mascherina all’aperto. Questo atteggiamento è legato anche alle forti preoccupazioni per la diffusione delle varianti che portano gli italiani a prospettare nuove chiusure e misure restrittive per il periodo autunnale. Un italiano su 4 cercherà la normalità cercherà la normalità, mentre, un ulteriore 12% starà attento ad uscire di casa. 

Gli italiano si dimostrano, quindi, responsabili memori probabilmente dell’estate 2020 di cui abbiamo pagato il conto nei mesi autunnali con un lockdown rigido.