Europei di calcio: un new normal, con atleti sempre più influencer

In questo periodo l’importanza dei grandi eventi sportivi internazionali va molto al di là dello sport: diventano un modo per tornare alla normalità, un motivo per potersi ritrovare in compagnia e provare orgoglio per la rappresentanza della nazione. Come segnala il Radar di SWG di questa settimana, per quanto non manchi chi pensa che non si sarebbero dovuti fare (39% degli intervistati) per il 76% del campione sono un chiaro indicatore di ritorno alla normalità. Allo stesso tempo orgoglio e passione fanno esplodere l’ottimismo e la speranza di poter festeggiare un successo della nazionale. 

Il fatto che questi avvenimenti vadano ormai ampiamente oltre la dimensione sportiva è mostrato anche dalla percezione che gli intervistati hanno avuto del caso Ronaldo-Coca Cola: se è vero che i campioni che si sono resi protagonisti dell’oscuramento dei prodotti di alcuni sponsor vengono accusati di scarsa coerenza rispetto al business calcio di cui fanno parte (68%), dall’altro il loro messaggio è arrivato forte, tanto che oltre il 60% degli intervistati si è schierato contro l’associazione di prodotti potenzialmente dannosi alla salute con eventi sportivi.