Nuovo flop di ‘Titolo V’,  e ora  la Rai vuole chiudere il programma

di Mario Modica

2.7 di share anche ieri sera nonostante la durata “monstre”. Nuovo imbarazzante flop di ‘Titolo V’ programma di  Rai 3 che si poneva l’ obiettivo ambizioso  di porre come prioritaria nell’agenda politica il sud e la questione meridionale .

Ma il tentativo è miseramente fallito e i dati di ieri sera sono l’ennesima conferma del flop. In onda  è andata un’orgia autoreferenziale di esperti anche molto autorevoli che però senza essere coadiuvati da una intelligente conduzione  si parlavano addosso  senza porsi minimamente il problema se chi è a casa conosca gli algoritmi del palazzo e della politica.

Siamo nell’era dei sociale e dei Tik Toker ma Rai Tre per una lettura moderna della realtà propone lo spin doctor di un premier fallimentare peraltro che ha guidato l’Italia lustri fa, un politologo incisivo e autorevole  come Gianfranco Pasquino ma che di sud si è sempre occupato poco, l’acuto e preparato  ma non proprio efficacissimo televisivamente direttore del Mattino di Napoli.

Paolo Del Debbio

Punti di vista intelligenti ma il dibattito è apparso scontato e soporifero e soprattutto tutto orientato al politicismo di palazzo e non certo al grande tema vero : “Draghi aiuterà il sud o gli darà la mazzata finale?”. Ma una headline simile ce lo si può aspettare da un fine intellettuale e filosofo  come Paolo del Debbio, lui si in grado di portare la discussione politica in forma comprensibile al  grande pubblico e con un linguaggio mainstream.  

Non a caso uno dei pochi in grado di affrontare la prima serata  rendendo ‘commestibili ‘ temi poltici impegnativi. Ora la Rai pensa già a chiudere il peraltro  rantolante programma. Brutto segno per la questione meridionale se si risolve  in algoritmi  di palazzo che ripropongono vecchi schemi logori.