Itaca: nuova brand identity, otto nuovi volti

Il nuovo anno di ITACA, il ponte che unisce Itaca Comunicazione, in Italia, a Milano, e Made in Itaca oltreoceano, a New York (Messico e San Paolo), parte sotto il segno “più”: più sfumature di colore e più persone che le interpretano e che interagiscono con più clienti e, in più, un ambizioso obiettivo di fatturato.


La nuova brand identity racconta un’agenzia che ascolta e cammina accanto al cliente. Un approccio che prevede sempre l’individuazione della più potente soluzione strategica e creativa che interpreti i bisogni di chi, nei diversi settori, desidera evolvere la propria marca e la propria comunicazione.


Nel marchio di ITACA, questa attitudine è sintetizzata da un mosaico di colori – diremmo un coro di persone – e da un pay-off che recita “no more odyssey” ovvero la volontà e la capacità di accogliere ogni cliente nel porto riparato e sicuro di un’isola-cantiere in cui si armano le migliori imbarcazioni, si formano gli equipaggi più qualificati e si studiano le rotte e le tappe per raggiungere la meta finale.
Questo il cuore pulsante di Itaca Comunicazione, fondata nel 1998 da Simona Pisanello che nel 2014 ha aperto Made in Itaca a New York per offrire una consulenza che potesse tradurre per il mercato americano la personalità distintiva di quei brand italiani che desiderano portare il Made in Italy fuori dai confini nazionali.


Questi i numeri che concretizzano la promessa espressa dal brand ITACA: 2 sedi – Milano e New York per 3 mercati – Italia, Usa e Mexico; 8 business unit – Strategy&Creativity, Advertising, Design, Editorial, Experience&Events, Social, Pr&Influencer, Web;  25 clienti attivi: Acimga, Allegrini, Anytime Fitness, Attems, Biondi-Santi, CCL, Cusumano, Eden Viaggi, Ethicawines, FP WineGroup, Fragi, König, Laudemio Frescobaldi, Lifeed, Marcolin, Maso Zambo, Nino Franco, Orticolario, Panettone Sospeso, Salimbene, SAB, Tenuta Luce, Terre di Pisa, Think About, Villa Sparina, Walter Calzature. Infine, last but not least, il grande capitale umano di 25 persone.

“Il nuovo anno – afferma Simona Pisanello, CEO di Itaca – è cominciato con una sferzata di energia positiva. Abbiamo buttato il cuore oltre l’ostacolo e deciso di investire in capitale umano. Negli ultimi anni il Team si è arricchito di giovani e talentuose teste creative che ci hanno traghettato con convinzione nell’era digitale. Oggi, per competere con i grandi player della comunicazione internazionale, è il momento di consolidare le nostre Business Unit con nuove figure senior di grande esperienza, acquisita nelle multinazionali della comunicazione. Il 2021 sarà l’anno della svolta e i primi segnali positivi si stanno già vedendo”. 

Accanto allo storico team, a partire da Monica Luraghi che dopo vent’anni è stata nominata Account Director e Ester Bachis Account Senior che ha approfondito il know-how degli eventi phygital; la Digital Strategy coordinata da Giulia Cazzulani, le Art Director Stella Gara e Luana Gessaghi e infine le relazioni con la stampa gestite da oltre un ventennio da Katia Cilia e Sara Vitali, sono otto i nuovi ingressi nella squadra: Juliana Valeriano è la nuova Brand Strategist; Lorenzo de Simone, Digital Media Planner ed esperto di SEO marketing; Benedetta Corneo che porta in Itaca i suoi 14 anni di esperienza nel gruppo WPP, uno dei più importanti network di agenzie a livello internazionale, si dedicherà allo sviluppo del New Business; Valentina de Poli, Content Creator, giornalista con esperienza sui contenuti applicati al business e nella produzione di podcast, una tra le nuove frontiere della comunicazione.

Claudia Ambroggi, è la nuova Full Stack Developer.

Sono giovanissime e in stage ma possono già vantare esperienze originali e progetti ambiziosi: Veronica Colombo, affiancherà Valentina nella creazione di contenuti; Serena Crocetti, multitasking specializzata in video e graphic motion; Shi Xinran, che regala uno sguardo cinese al reparto creativo.

Il team internazionale di Made in Itaca, capitanato da Ricardo Ramos, vede in prima linea Fernanda Alcocer e Miroslav Mladic da Brooklyn, Giuliana Lunardelli da São Paolo, Brasile,e Mara Gaya Dominguez da Querétaro, Messico a coprire i dipartimenti di Strategy&Creativity, Advertising, Design, Editorial, Digital.