Nuova campagna TV per ING

Godersi il vento che accarezza il viso durante un giro in sidecar, saltare spensierati su un trampolino elastico o riscoprirsi giocoliere per intrattenere due figli scatenati… 

Tre persone, tre diverse situazioni, ma la stessa espressione di soddisfazione nel volto. 

Perché diciamoci la verità, a volte basta poco per farci stare bene ed affrontare con ironia e originalità le piccole e grandi situazioni quotidiane. 

Niente di più… do your thing! Il nuovo posizionamento di ING che, lanciato a livello globale nel 2020, dal 3 gennaio arriva anche in Italia. L’obiettivo? Incoraggiare le persone a esprimere pienamente se stesse in ogni occasione. Dalla più semplice alla più grande, nella vita privata come in quella professionale. Perché quello che conta davvero, è sentire la sensazione di gioia, felicità e spensieratezza che proviamo solo quando facciamo ciò che ci fa stare bene per davvero. 

Do your thing non è solo un pay-off, ma un vero e proprio stile di vita a cui ispirarsi. Per questo, incoraggiamo i nostri clienti a dedicarsi il più possibile a ciò che conta davvero per loro. Come? Offrendo in tutti i nostri prodotti e servizi un’esperienza fluida, personalizzata e immediata, così che possano svolgere rapidamente le operazioni quotidiane, per tornare in un tap a fare quel che più piace a loro”, commenta Silvia Bagiolo, Head of Communications & Brand Experience di ING Italia

Per raccontare questa filosofia di brand, ING ha realizzato una nuovissima campagna TV che dà spazio a 3 “facce”: quelle spensierate, entusiaste e soddisfatte di chi ha Conto Corrente Arancio e con un solo tap sull’App ING, può gestire in un attimo le proprie spese e le carte, così da tornare il prima possibile a fare ciò che è davvero importante. 

La campagna TV, firmata Leagas Delaney e prodotta da Think Cattleya, è on air dal 3 gennaio e ci accompagnerà tutto l’anno. Lo spirito del do your thing vivrà anche sui canali social di ING Italia grazie a una nuova strategia firmata We Are Social. La pianificazione media è a cura di Media Insight